confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Il 1° febbraio lezioni in presenza per tutti (o quasi). Fedriga (Fvg): per Azzolina la riapertura è una bandiera politica

Quasi cento giorni. Tanto è durata la lontananza forzata da scuola degli studenti degli istituti superiori di alcune regioni. Anche per loro (anche se probabilmente non tutti) l’attesa è finita: sette regioni che per motivi epidemiologici hanno mantenuto i loro studenti con la DaD, lunedì 1° febbraio riprenderanno le lezioni in presenza per il 50% degli iscritti. Sono Veneto, Friuli Venezia Giulia, Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sardegna. Le ordinanze di ritorno sono state già predisposte.

L’unica che rimane in forse è la Sicilia. Ma se la regione dovesse abbandonare il colore ‘rosso’, anche gli studenti dalla seconda media in poi potranno tornare in classe.

Fedriga (Fvg): programma organico

Intanto, dalle regioni giungono i commenti dei governatori. “La ministra Azzolina ha fatto della apertura delle scuole una bandiera politica, prescindendo dal merito”, ha detto il Governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga.

Rispondendo nel corso della trasmissione Ring dell’emittente locale Tele4, alle domande dei direttori della tv, Ferdinando Avarino, e del Piccolo, Omar Monestier, il presidente regionale  ha difeso la scelta prudenziale fatta nella sua regione con una sua ordinanza e anche dopo la presentazione di due ricorsi davanti al Tar, vale a dire di tenere chiuse le scuole superiori sino alla fine del mese di gennaio.

Il Governatore ha confermato che queste “riapriranno il 1° febbraio e si comincerà con il 50 per cento degli studenti”, secondo un programma organico elaborato e realizzato insieme con le prefetture, le aziende locali di trasporto e altre realtà, che ha voluto ringraziare.

Le altre regioni

In Veneto invece il governatore Luca Zaia ha garantito che “dopo la riapertura delle scuole superiori al 50% dal 1 febbraio, dopo tre settimane si va al 75%, ovviamente se non cambia lo scenario epidemiologico”.

Anche in Sardegna ci si prepara al rientro delle superiori in presenza al 50% per almeno due settimane.

In Campania il governatore De Luca raccomanda la ripresa in presenza per non più del 50% delle classi e fa notare che in concomitanza con la ripresa in presenza delle attività didattiche della elementare e della media “sono stati rilevati, nella settimana scorsa ed in quella in corso, plurimi casi di contagi in ambito scolastico, anche riferiti ad intere classi”.

Intanto, c’è già chi pensa al futuro. E anticipa eventuali nuovi decreti governativi per gestire l’emergenza Covid-19.

In Puglia i sindacati di comparto hanno chesto che “si applichino i Dpcm, senza ulteriori ordinanze regionali che introducono, unico caso nel panorama nazionale, la facoltà di scelta delle famiglie”.

Ritengono che “si sta creando un buco formativo che, soprattutto nel secondo ciclo, può costituire un pericoloso carburante per la dispersione”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF