confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Fornero: “Non mentite al Paese. L’età pensionabile va alzata.”

L’ex ministra del Lavoro, Elsa Fornero, nel giorno del tavolo tra Governo e sindacati, in un’intervista a Repubblica dice la sua sull’innalzamento a 67 anni dell’età pensionabile: Gentiloni e  Padoan hanno fatto bene a impedire il blocco dell’aumento dell’età pensionabile, “perché è una scelta che risponde a un’esigenza di medio periodo nell’interesse generale, e non elettorale. Si  è evitato di scaricare sui giovani il costo di un’operazione che avvantaggerebbe solo le generazioni più mature”;

l‘età pensionabile deve essere alzata, altrimenti si ingannano i cittadini.

Metodo contributivo 

“Solo dal 2012 tutte le pensioni sono pro rata calcolate con il metodo contributivo. Ci vorrà ancora una ventina d’anni perché le pensioni siano interamente contributive. Da allora in poi potranno scattare i meccanismi di flessibilità” in uscita, spiega Fornero, che dice sì all’ampliamento delle maglie dell’anticipo pensionistico sociale.

“Penso che sia una buona innovazione che può permettere a categorie sfortunate di non subire l’effetto dell’indicizzazione senza mettere a repentaglio la sostenibilità del sistema previdenziale.  Un intervento sociale che per la prima volta realizza la separazione tra assistenza e previdenza”.

In merito all’obiezione che lasciando i più anziani al lavoro non si liberano i posti per i giovani, Fornero ha spiegato:

“il ragionamento va capovolto: vanno create le occasioni di lavoro, anche attraverso le politiche attive per il lavoro rispetto alle quali siamo a dir poco impreparati, e non pensare che al lavoro si acceda cacciando qualcun altro”.

D’altra parte se la sua riforma, tanto contestata, non fosse stata in linea con le politiche dei governi che si sono succeduti, sarebbe stata in qualche modo o rimossa o aggiustata, ma niente di tutto questo.

Per cui le parole di aspiranti sirene, che annunciano sicure cancellazioni della legge Fornero qualora andassero al governo della Nazione, debbono essere prese con le pinze, almeno crediamo.

 

https://www.tecnicadellascuola.it/fornero-non-mentite-al-paese-leta-pensionabile-va-alzata

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF