confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Dipendenti pubblici, magistrati i più ricchi, docenti i più poveri. I numeri

 Lunedì, 24 Luglio 2017

I dipendenti pubblici italiani sono “anziani”“sottodimensionati” e, in alcuni casi “non adeguatamente qualificati rispetto alla mansione da svolgere”.

Questa è la fotografia scatta da Fpa, società del gruppo Digital360.

Soltanto il 27,7% dei dipendenti pubblici, infatti, ha meno di 45 anni, mentre l’età media dei lavoratori è di 50,02 anni (dati del conto annuale 2015 della Ragioneria di Stato) e cresce con una media di sei mesi ogni anno. Mentre già adesso il 49% delle mansioni che richiedono una laurea è svolta da personale che non è laureato.

Andando avanti con questa tendenza, dunque, nel 2020 l’età media sarà salita a 53,6 anni, con ben 232mila persone che avranno tra i 65 e i 67 anni e oltre 603mila tra i 60 e i 64 anni; circa un terzo dei lavoratori pubblici italiani fra soli tre anni sarà in uscita dal mercato del lavoro.

Non solo. Nei prossimi anni si aggiungono i progressivi tagli al personale, che dal 2007 a oggi hanno riguardato il 5% dei lavoratori, vale a dire 237.220 persone.

Oggi i dipendenti pubblici italiani sono 3.257.014 (dati 2015). I dipendenti pubblici in Italia – riporta AdnKronos sono circa 2/3 di quelli inglesi e 1,3 milioni in meno rispetto a quelli tedeschi, ma il rapporto ra il numero di dipendenti pubblici e il totale dei cittadini residenti è sfavorevole: In Italia ci sono 5,5 impiegati pubblici ogni 100 residenti, una cifra leggermente inferiore che in Germania (5,7), ancora meno che in Spagna (6,4) e molto più distante dal Regno Unito, dove ci sono 7,9 impiegati pubblici ogni 100 cittadini.

STIPENDI – Nella classifica degli stipendi della Pa a percepire gli stipendi più alti sono i magistrati (142.554 euro all’anno). Ultimi i dipendenti sottopagati della scuola, assieme a quelli delle autonomie locali (29.130 all’anno).

 

20270217 10213698781967985 1897640912 n

http://www.tecnicadellascuola.it/item/31605-dipendenti-pubblici-magistrati-i-piu-ricchi-docenti-i-piu-poveri-i-numeri.html

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF