confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Deleghe legge 107: il tempo è davvero poco

I tempi per l’approvazione definitiva degli 8 decreti legislativi previsti dal comma 181 della legge 107 sono davvero stretti, anzi strettissimi, forse persino impossibili da rispettare.

Ma – secondo le norme in vigore – in che modo devono essere adottati i decreti?
Per capirlo bisogna leggere l’articolo 14 della legge 400 del 1988 che detta disposizioni proprio in materia di attività legislativa del Governo.

Il comma 2 stabilisce che “l’emanazione del decreto legislativo deve avvenire entro il termine fissato dalla legge di delegazione; il testo del decreto legislativo adottato dal Governo e’ trasmesso al Presidente della Repubblica, per la emanazione, almeno venti giorni prima della scadenza”.

Questo significa che gli 8 decreti dovranno essere firmati dal presidente Mattarella entro il 17 aprile prossimo e che il Governo entro fine marzo dovrà trasmettere al Presidente i testi dei provvedimenti.

Ma bisogna anche tenere conto di un altro aspetto: le commissioni parlamentari avranno tempo fino a venerdì 17 marzo per esprimere il proprio parere.
A quel punto il Governo avrà a disposizione solamente due settimane per poter esaminare le eventuali proposte di modifica avanzate da Camera e Senato.

Insomma, c’è davvero il rischio che i decreti vengano adottati in modo un po’ troppo frettoloso.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF