confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Covid, più restrizioni ma non a scuola: in arrivo lezioni in presenza con più alunni positivi e quarantene light

Il Covid-19 non dà tregua: nell’ultimo giorno si contano oltre 188mila nuovi casi e ben 375 decessi. La risposta dell’esecutivo Draghi è in più restrizioni per muoversi tra uffici e negozi, mentre nella scuola sembra prodursi un effetto contrario: in classe, infatti, si continuerà ad entrare in presenza di più casi di positività. Anzi, è probabile che per fare scattare la DaD si aumenti il numero rispetto ad oggi.

Il Dpcm è imminente

Le disposizioni del Governo sono quasi pronte: bisogna approvarle a breve, prima che inizi la scelta del nuovo Capo dello Stato. Entro un paio di giorni, al massimo domenica 23 gennaio, dovrebbe essere varato il nuovo Dpcm.

Nella bozza del Dpcm che il presidente del Consiglio Mario Draghi firmerà nelle prossime ore si ribadisce che “nell’attuale contesto emergenziale” le uniche attività esentate possono essere “solamente quelle di carattere alimentare e prima necessità, sanitario, veterinario, di giustizia e di sicurezza personale”.

Il Green pass anche per comprare le sigarette

Si potrà poi entrare negli uffici Postali e nelle banche, ma solo per riscuotere “pensioni o emolumenti non soggetti ad obbligo di accredito. Mentre per comprare le sigarette servirà il Green pass.

In arrivo c’è anche, come dicevamo, la semplificazione delle norme sulla gestione delle quarantene nelle scuole, intervenendo con una revisione delle attuali regole: una tendenza che hanno in qualche modo anticipato sia il sottosegretario alla Salute Andra Costa, sia l’ex premier Matteo Renzi.

Riduzione dei tempi di permanenza a casa

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha incontrato a palazzo Chigi il premier Mario Draghi e sul tavolo, secondo quanto si apprende, ci sarebbe la revisione dei tempi della quarantena (più breve dell’attuale), con l’innalzamento dei casi positivi per far scattare la didattica a distanza (in parte anche nel primo ciclo): l’Ansa scrive che però “la comunità scientifica non è d’accordo”.

Per cercare di “convincere” gli scienziati, il Governo sembra che stia cercando le risorse (non poche) per fornire le mascherine Ffp2 agli alunni (il personale al momento sembrerebbe escluso) che si trovano in regime di auto-sorveglianza: un’intenzione confermata anche dalla sottosegretaria all’Istruzione Barbara Floridia.

Nuove regole pure per i tamponi

Tra le novità in arrivo, vi sarebbero anche nuove disposizioni sui tamponi per gli studenti.

Per decidere chi proseguirà l’attività didattica in presenza e chi la dovrà svolgere da casa, usufruendo della DaD, bisognerà però sempre continuare a valutare caso per caso: bisognerà quindi valutare le condizioni (numero di contagiati, grado scolastico, ecc.), sempre mantenendo in taluni casi (pochi contagiati per classe) una distinzione tra vaccinati e chi invece non lo è.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF