confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Covid. Oms: “Pandemia morde ancora. Casi riprendono a salire. Più 18% in una settimana”

Dopo una tendenza al calo dall’ultimo picco del marzo scorso è ripresa la salita dei contagi Cobid in tutto il Mondo salvo alcune aree. Glu aumenti più significativi nella Regione del Mediterraneo Orientale (+47%), nella Regione Europea (+33%), nella Regione del Sud-Est Asiatico (+32%) e nella Regione delle Americhe (+14%), mentre è diminuito nella Regione Africana (-39%) e nella regione del Pacifico Occidentale (-3%). IL BOLLETTINO.

30 GIU –

Il nuovo bollettino epidemiologico dell’Oms certifica la ripresa della salita dei contagi a livello globale, dopo una tendenza in calo dall’ultimo picco di marzo 2022. Durante la settimana dal 20 al 26 giugno 2022, sono stati segnalati oltre 4,1 milioni di nuovi casi, con un aumento del 18% rispetto alla settimana precedente. Il numero di nuovi decessi settimanali è rimasto simile a quello della settimana precedente, con oltre 8500 decessi segnalati.

A livello regionale, il numero di nuovi casi settimanali è aumentato nella Regione del Mediterraneo Orientale (+47%), nella Regione Europea (+33%), nella Regione del Sud-Est Asiatico (+32%) e nella Regione delle Americhe (+14%), mentre è diminuito nella Regione Africana (-39%) e nella regione del Pacifico Occidentale (-3%).

Il numero di nuovi decessi settimanali è aumentato nella regione del Mediterraneo Orientale (+22%), nella Regione del Sud-est Asiatico (+15%) e nella regione delle Americhe (+11%), mentre sono state osservate diminuzioni nel Pacifico occidentale Regione (-6%), Regione Europea (-5%) e Regione Africana (-1%).

Al 26 giugno 2022, sono stati segnalati oltre 541 milioni di casi confermati e oltre 6,3 milioni di decessi a livello globale.

Queste tendenze dovrebbero essere interpretate con cautela, avverte però l’Oms, poiché diversi paesi hanno progressivamente modificato le strategie di test COVID-19, determinando un numero complessivo inferiore di test eseguiti e di conseguenza un numero inferiore di casi rilevati.

A livello nazionale, il numero più alto di nuovi casi settimanali è stato segnalato da Stati Uniti d’America

(701.855 nuovi casi; +5%), Germania (504.655 nuovi casi; +23%), Brasile (349.791 nuovi casi; +37%), Italia (340.012 nuovi casi; +61%) e Cina (333.926 nuovi casi; -18%).

Il numero più alto di nuovi decessi settimanali è stato segnalato da Stati Uniti d’America (1.997 nuovi decessi; -2%), Brasile (1.313 nuovi decessi; +37%), Cina (925 nuovi decessi; -11%), Federazione Russa (429 nuovi decessi; -3%) e Italia (355 nuovi decessi; +5%).

Regione Europea

Dopo un calo del numero di nuovi casi settimanali da metà marzo 2022, è stato ora segnalato un aumento per la terza settimana consecutiva nella Regione Europea, con oltre 1,8 milioni di nuovi casi segnalati, un 33% aumento rispetto alla settimana precedente.

Trentatré (54%) paesi nella Regione ha segnalato incrementi nei nuovi casi pari o superiori al 20%, con i maggiori aumenti proporzionali osservati in Romania (2.609 vs 341 nuovi casi; +665%), Spagna (118 421 vs 18 757 nuovi casi; +531%) e Kazakistan (299 contro 112 nuovi casi; +167%).

Il maggior numero di nuovi casi è stato segnalato dalla Germania (504.655 nuovi casi; 606,8 nuovi casi per 100 000; +23%), Italia (340.012 nuovi casi; 570,1 nuovi casi per 100 000; +61%) e Francia (331.843 nuovi casi; 510,2 nuovi casi per 100 000; +37%).

Nella Regione sono stati segnalati oltre 2.200 nuovi decessi settimanali, con un decremento del 5% rispetto alla settimana precedente.

Il numero più alto di nuovi decessi è stato segnalato da Federazione Russa (429 nuovi decessi; <1 nuovo

decessi ogni 100 000; -3%), Italia (355 nuovi decessi; <1 nuovo decesso ogni 100.000; a +5%) e Spagna (317 nuovi decessi; <1 nuovo decesso ogni 100.000; +45%).

30 giugno 2022

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF