confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Coronavirus. Sileri: “Riconoscere il lavoro per personale sanitario. È ora di accelerare”

Il viceministro della Salute su facebook rimarca l’impegno del personale sanitario e rilancia sulla necessità di potenziare il nostro Ssn “per rendere di nuovo attrattivo il ‘lavorare’ nel nostro servizio sanitario”.

23 APR – “Avevamo iniziato, con la scorsa legge di stabilità, a mettere soldi nella Sanità cercando di migliorare il nostro SSN. L’esperienza che deriva dalla tragedia Covid deve essere il mezzo per accelerare il percorso che abbiamo iniziato. Per rendere di nuovo attrattivo il ‘lavorare’ nel nostro servizio sanitario. NEL nostro SSN e non un semplice PER il SSN”. È quanto scrive su facebook il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri.

“I miei colleghi in ospedale – specifca – continuano a combattere valorosamente questo nemico invisibile. Onore a coloro che sono caduti e rispetto per le famiglie che soffrono. Riconoscere il loro lavoro e il loro senso del dovere in questa emergenza è sicuramente un atto dovuto. Ma attenzione: compivano il loro dovere anche prima, spesso in silenzio. Ci si ricordava di loro solo quando venivano aggrediti o denunciati. Nessuno però se ne ricordava quando, per almeno un decennio, hanno chiesto il rinnovo del contratto, salari migliori, qualità del lavoro e stabilità”.

23 aprile 2020
© Riproduzione riservata

FONTE: QUOTIDIANO SANITA’ (LINK: http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=84458);

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF