confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Concorso scuola secondaria, il bando non arriverà in estate

Il bando del concorso scuola 2019 per la scuola secondaria non sarà pubblicato entro l’estate, come più volte annunciato da Viale Trastevere. E’ quanto emerge dalle dichiarazioni, riportate anche da questa testata, del ministro Marco Bussetti, a proposito del concorso straordinario riservato ai precari con 36 mesi di servizio. E siccome la procedura riservata è legata a quella ordinaria, tutto ciò fa presagire che anche il concorso docenti secondaria ordinario sarà bandito dopo l’estate.

Infatti, Bussetti ha riferito che entro luglio presenterà un decreto per sbloccare la situazione del percorso riservato.

In totale, saranno banditi 48 mila posti, così suddivisi:

  • 24 mila riservati ai precari con 36 mesi di servizio
  • 24 mila procedura ordinaria per laureati con 24 CFU

Concorso scuola 2019: per la secondaria attendono i neolaureati con 24 CFU

Potranno partecipare al concorso docenti 2019 ordinario, infatti, tutti i candidati in possesso della laurea magistrale ma privi di abilitazione. A questo requisito, tuttavia, deve essere aggiunto il possesso dei 24 CFU, ovvero crediti formativi universitari nelle “discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie e tecnologie didattiche”, che restano requisito d’accesso come previsto dal Decreto Legislativo n. 59/2017.

Pertanto, per partecipare al prossimo concorso docenti non sarà necessario possedere un’abilitazione all’insegnamento (TFA o SSIS).
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF