confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Classifica stipendi PA, docenti e Ata in fondo: il nuovo contratto non cambierà le cose

Domenica, 26 Febbraio 2017

Sono i dipendenti della scuola a percepire le retribuzioni medie pro-capite più basse all’interno della pubblica amministrazione.

La conferma arriva dai dati dell’Aran aggiornati al 2015, ripresi dall’agenzia nazionale Ansa.

Nella tabella dei comparti contrattualizzati della P.A. (riportata qui sotto), l’agenzia che rappresenta la parte pubblica distingue tra voci stipendiali (stipendio, retribuzione di anzianità, tredicesima, indennità integrativa speciale) e voci accessorie (indennità fisse, straordinari, premi di produttività, indennità di turno, disagio ed altre competenze accessorie). Per quanto riguarda i trattamenti accessori, l’Aran indica anche il peso, in percentuale, sullo stipendio totale medio percepito.

Ebbene, se si guarda allo stipendio base, ai docenti (meno di 30mila euro annui), agli Ata (in fondo alla classifica per categorie con non molto più di 20mila euro annui lordi) e ai dirigenti scolastici (circa 64mila euro, molto meno dei colleghi della PA e del privato) non spetterebbe la maglia “nera”, perché i dipendenti delle Regioni, degli Enti locali, dei ministeri e degli enti locali percepiscono meno dei 25.077 euro lordi medi assegnati ai dipendenti della scuola.

Il problema è che siccome la Scuola è la Cenerentola delle voci accessorie, con appena 3.266 euro annue medie (pari ad appena il 12% dello stipendio finale), il compenso complessivo che ne deriva fa sprofondare proprio i lavoratori che operano nei nostri istituti scolastici: appena 28.343 euro lordi, a fronte di oltre 29mila per i dipendenti delle regioni e dei ministeri. Poi, si sale a 35mila per quelli delle Agenzie fiscali e le Accademie; oltre 38mila per chi è assunto nella Sanità, fino agli oltre 57mila e addirittura quasi 85mila euro per i “fortunati” impiegati, rispettivamente, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri e le Autorità indipendenti.

A breve, nel 2017, arriverà il nuovo contratto? Cosa cambierà per la Scuola? È subito bene dire che dovrebbe cambiare la percentuale delle somme, con quella accessoria destinata ad avere un maggiore peso. Anche se per i docenti non sarà facile trovare la modalità, visto anche le tante polemiche che si sono venute a determinare a seguito dell’arrivo del Comitato di valutazione e della scelta finale sul “merito” annuale comunque affidata dalla L.107/15 al dirigente scolastico.

Sulla consistenza dei compensi, in ogni caso, non dobbiamo aspettarci grosse novità: i fondi per il nuovo contratto, previsti dalla Legge di Stabilità, non verranno assegnati in misura diversificata ai vari ministeri. I più meritevoli percepiranno una quota accessoria maggiore, ma si tratta comunque di cifre non altissime (attualmente in prevalenza sotto i mille euro), ma le medie non muteranno granché.

Insomma, la scuola continuerà a posizionarsi all’ultimo posto per compensi percepiti. O giù di lì.

 

STIPENDIO BASE      VOCI ACCESSORIE (%)     TOTALE

Scuola                        25.077                  3.266 (12%)                28.343

Regioni – enti locali      23.744                  5.313 (18%)                29.057

Ministeri                     22.972                   6.816 (23%)                29.788

Agenzie fiscali             24.128                  11.322 (32%)               35.449

Accademie                  32.050                  4.386 (12%)                 36.436

Sanità                         29.951                 8.670 (22%)                 38.621

Enti di ricerca              35.119                  6.016 (15%)                41.135

Enti non economici      26.211                  16.081 (38%)               42.292

Università                   36.662                   6.423 (15%)                43.085

Presidenza Cdm          30.708                   26.904 (47%)               57.621

Autorità indipendenti   66.875                   18.075 (21%)               84.950

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF