confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Cassazione: legittimo il licenziamento di chi si allontana senza “stimbrare”

di CHIARA D’ANGELO

La sentenza n. 25750 emessa ieri dalla Corte di Cassazione è tranciante: anche prima della riforma Madìa la condotta del dipendente che si allontana, anche momentaneamente, dal posto di lavoro senza autorizzazione e senza effettuare la dovute timbrature  (di uscita e di re-ingresso) intermedie costituisce falsificazione delle attestazioni delle presenze e quindi giustifica il provvedimento del licenziamento.

Il dubbio sulla validità del licenziamento in questa specifica circostanza derivava dalla formulazione ante-riforma del D.lgs. 165/01 che, nel tenore letterale dell’art. 55 quater, sanzionava con il licenziamento l’alterazione e/o manomissione fraudolenta dei sistemi di rilevamento delle presenze.

Con la sentenza di pochi giorni fa la Suprema Corte ha chiarito che la ratio della norma, anche prima della riforma Madìa, non può in ogni caso intendersi limitata alla azioni di alterazione e/o manomissione dei sistemi di rilevamento, ma che invece configuri l’illecito ogni comportamento fraudolento in conseguenza del quale le attestazioni di presenza registrate nei sistemi di rilevamento differiscano dalla reale presenza in servizio, facendo risultare presente il dipendente che invece non lo è.

Qualora ce ne fosse stato bisogno la Cassazione ha dunque tolto di mezzo qualsivoglia appiglio ai cavilli legali per evitare il licenziamento a chi, oggettivamente, fa il “furbetto del cartellino”.

http://www.infermieristicamente.it/articolo/7197/cassazione-legittimo-il-licenziamento-di-chi-si-allontana-senza-stimbrare/

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF