confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Casi Covid a scuola, le nuove regole sulle quarantene non convincono: vi spiego perché

Dal documento che indica le nuove disposizioni sanitarie ad interim per l’individuazione e la gestione dei contatti di casi di infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico, si evince in prima battuta che nel caso in cui le autorità sanitarie siano impossibilitate ad intervenire tempestivamente, il DS o il suo delegato referente Covid, venuto a conoscenza di un caso confermato nella propria scuola è autorizzato, in via eccezionale ed urgente, a sospendere temporaneamente le attività didattiche in presenza nella classe/sezione/gruppo e trasmette le indicazioni standardizzate: la comunicazione si trasmetterà, in accordo alle misure previste dal presente protocollo, sia ai bambini/alunni/genitori/tutori che agli insegnanti che sono stati a contatto con un caso COVID-19 confermato (nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi o all’esecuzione del test diagnostico se asintomatico), in attesa della formalizzazione e di eventuali misure specifiche (incluso l’isolamento dei casi e la quarantena per i contatti ad alto rischio) da parte del DdP.

Pertanto, alla luce di quanto sopra detto, i dirigenti scolastici dovranno, a parere dello scrivente, siglare un protocollo d’intesa con strutture convenzionate del territorio per l’esecuzione di tamponature eseguibili in tempi certi, vincolate alla certificazione di attestazione mediche che acclarino la negativizzazione testata affinché si possa rientrare nella comunità scolastica.

Infine, un altro profilo di incongruenza è dettato dal fatto che i dirigenti scolastici o i loro referenti Covid dovranno sapere tra gli operatori scolastici e gli alunni chi sia vaccinato o meno, così da applicare preventivamente le disposizioni di cui alla tabelle standardizzate proposte, in antitesi con i vincoli recentemente e correttamente formalizzati dal garante della privacy.

In attesa di evoluzioni ed eventuali aggiornamenti, si prevede un “orizzonte” pieno di nubi proprio per i dirigenti scolastici.

FONTE: TECNICA DELLA SCUOLA (LINK: https://www.tecnicadellascuola.it/casi-covid-a-scuola-le-nuove-regole-sulle-quarantene-non-convincono-vi-spiego-perche)

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF