confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Carta del docente, dal Miur nessuna circolare chiarificatrice

Carta del docente, dal Miur nessuna circolare chiarificatrice

A due giorni dalla scadenza del termine per la rendicontazione delle spese di aggiornamento ancora tanti dubbi

 

“Tra due giorni scadrà il termine per la rendicontazione delle spese di aggiornamento che i docenti devono presentare alle scuole e siamo ancora in attesa che il Miur emani una circolare dettagliata per dirimere i tanti dubbi sull´utilizzo della Carta del Docente”.

A dichiararlo è la Gilda degli Insegnanti che il 26 maggio scorso aveva chiesto formalmente chiarimenti circa l´applicazione della normativa su cui il ministero si è finora limitato a pubblicare faq che non hanno alcun valore giuridico.

“Il mancato intervento chiarificatore del Miur – afferma la Gilda – lascia alle scuole margini di interpretazione che, in assenza di una circolare specifica, possono essere anche arbitrari. Nelle faq, per citare qualche esempio, non venivano considerate spese professionali quelle per l´acquisto di una stampante, delle cartucce di inchiostro, degli smartphone tanto decantati come strumenti per la didattica innovativa. Mancano inoltre delucidazioni circa l´autocertificazione degli ingressi a musei, cinema e teatri che non hanno biglietto riconducibile ad una persona fisica specifica”.

“Come spesso accade – conclude la Gilda – chi deve applicare una legge confusa ha la paura di assumersi la responsabilità formale degli atti applicativi. E´ una malattia che colpisce troppo spesso i funzionari e i dirigenti pubblici in Italia provocando disfunzioni e inefficienze”.

Roma, 29 agosto 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

 

http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=69&plug=Comunicati&area=comunicati&id=5617

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF