confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Bussetti: c’è bisogno di insegnanti giovani e preparati

Il Ministro Bussetti ha partecipato ieri alla Fiera Didacta a Firenze e si è soffermato ancora una volta sulla riforma del sistema di reclutamento, ancora in fieri.

“Vorrei rimettere ordine nel sistema di reclutamento: abbiamo bisogno di insegnanti giovani, insegnanti motivati, preparati e pronti ad affrontare nuove sfide educative” ha affermato il Ministro.

Il concorso per laureati

La riforma dovrebbe riguardare il FIT, ossia il periodo di tirocinio e formazione successivo alla vincita del concorso ordinario, dal quale non si prescinde. Aperto molto probabilmente a tutti i laureati (con piano di studi idoneo per l’insegnamento), ma con vincolo nella regione di assunzione. Concorso, Bussetti: “al più presto per giovani laureati”. I criteri

Nel frattempo il Ministro ha firmato il decreto per l’avvio del concorso straordinario per infanzia e primaria ed è al lavoro per quello ordinario.

Legge Buona Scuola rimane ma avrà delle modifiche

Sulla legge 107 Bussetti ha sottolineato che “quando si fa una legge che è impiantata su una riforma che non è ancora stata attuata completamente, diventa difficile poi sostenerla. La Buona scuola per noi rappresenta comunque una legge, e l’abbiamo già affrontata da questo punto di vista, che al proprio interno ha tutta una serie di elementi che stiamo modificando proprio in funzione del miglioramento delle nostre istituzioni”.

Bussetti: c’è bisogno di insegnanti giovani e preparati

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF