confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Bonus 500 euro: le scuole non possono ancora restituire i soldi spesi prima del 30 novembre

I docenti che hanno speso prima del 30 novembre 2016 tutto o in parte il bonus 500 euro destinato all’autoformazione e all’aggiornamento professionale dovranno attendere ancora un po’ prima di poter recuperare la somma spesa.

La nuova procedura messa in atto dal Miur per l’a.s. 2016/17 prevede infatti che il bonus sia speso attraverso la generazione di buoni nella piattaforma http://cartadeldocente.istruzione.it

Il docente che ha già speso prima del 30 novembre (cioè prima dell’attivazione della piattaforma) dovrà produrre una autocertificazione, alla quale saranno allegati i documenti giustificativi delle spese, e il tutto dovrà essere consegnato presso la segreteria della scuola di servizio.

Abbiamo già raccomandato di fare attenzione al primo accesso, poichè alcuni docenti per disattenzione hanno già azzerato il proprio portafoglio.

Bonus 500 euro. Alcuni docenti già a quota zero senza aver speso

Chi ha già speso invece attende di poter ricevere indietro le somme anticipate. Attesa che si prospetta essere lunga, in quanto il Ministero non ha ancora diramato le specifiche istruzioni in merito e di conseguenza non ha ancora accreditato le somme.

Al momento sappiamo solo quanto diffuso nella nota del 28 novembre 2016 ”

Attraverso una procedura informatica, i cui dettagli operativi saranno forniti in una successiva circolare nel mese di dicembre, le informazioni necessarie al pagamento saranno acquisite da questo Ministero e inviate alla società CONSAP che provvederà alla liquidazione della somma complessivamente spettante all’istituzione scolastica, ai fini del successivo pagamento da parte di quest’ultima ai docenti interessati. ”

Al momento tutto tace.

Bonus 500 euro: le scuole non possono ancora restituire i soldi spesi prima del 30 novembre

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF