confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Bilanci, p.a. al banco di prova del consolidato

Entro il prossimo 30 settembre circa 2.500 enti territoriali (regioni, città metropolitane, province e comuni) dovranno approvare il loro primo bilancio consolidato. Si tratta di un passaggio importante, previsto dal nuovo ordinamento contabile per tentare di portare a galla le tante magagne che spesso gli amministratori locali hanno nascosto nelle loro migliaia di partecipate, spesso create o acquisite proprio a tale scopo. La scadenza, tuttavia, è a forte rischio, considerato il ritardo accumulato nella chiusura dei rendiconti e le difficoltà imposte dalla riforma dei bilanci societari.
Il fenomeno dell’esternalizzazione ha assunto nella p.a. locale dimensioni impressionanti, dando vita a una giungla di enti, organismi e società che l’ex commissario alla spending review, Carlo Cottarelli, aveva stimato (per difetto) in almeno 8.000. I numerosi tentativi di «disboscamento» si sono finora rivelati vani, per cui il legislatore ha elaborato una sorta di piano B. Con il dlgs 118/2011, insieme ad altre numerose novità, è stato introdotto l’obbligo generalizzato di redigere un bilancio c.d. consolidato. Esso è chiamato a fornire la rappresentazione veritiera e corretta della consistenza economica, patrimoniale e finanziaria dei «gruppi» che fanno capo a ciascun ente. La logica, in altri termini, è la stessa già da decenni sperimentata nel settore privato, dove chi detiene partecipazioni qualificate deve esporre in modo analitico il loro impatto sul proprio conto economico e sul proprio stato patrimoniale.
Nel settore pubblico, tale strumento è diventato obbligatorio solo negli ultimi anni: in precedenza, al di là di alcune meritorie buone prassi (come quella del comune di Torino), i bilanci hanno sempre rappresentato una fotografia parziale e molto sfocata dell’effettivo stato di salute delle diverse amministrazioni. Difficile, per esempio, conoscere l’effettiva consistenza dei debiti commerciali, ovvero l’esposizione complessiva verso le banche, oppure ancora il reale costo della manodopera impiegata. Chi avesse voluto ricostruire queste informazioni, avrebbe dovuto cimentarsi in un complesso (e, in mancanza di regole chiare, aleatorio) esercizio di aggregazione di bilanci diversi per struttura, contenuti e tempistica di approvazione.

Adesso, invece, a farsi carico di questo onere dovranno essere gli stessi enti: dopo la sperimentazione che, a partire dal 2012, ha coinvolto circa 400 amministrazioni, nel 2017 sarà la volta delle 20 regioni, delle circa 100 fra città metropolitane e province e di circa 2.400 comuni con più di 5.000 abitanti.

L’approfondimento completo su ItaliaOggi Sette in edicola da lunedì 31 luglio 2017

https://www.italiaoggi.it/news/dettaglio_news.asp?id=201707281947486872&chkAgenzie=ITALIAOGGI&titolo=Bilanci,%20p.a.%20al%20banco%20di%20prova%20del%20consolidato

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF