confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Alta formazione artistica, musicale e coreutica: 21 istituzioni diventano statali

Il ministro Maria Cristina Messa ha firmato i decreti. I provvedimenti saranno operativi a partire dal primo gennaio 2023. L’elenco delle «promozioni»

di Redazione Scuola

Dal 1° gennaio 2023, 17 Istituti superiori di studi musicali e 5 Accademie di Belle Arti legalmente riconosciute diventeranno ufficialmente istituzioni dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica di Stato. Due di essi (l’Istituto superiore di studi musicali di Bergamo e l’Accademia “Giacomo Carrara” di Bergamo) si fonderanno in un Politecnico delle arti. A disporlo sono i decreti firmati dal ministro dell’Università e della Ricerca (Mur), Maria Cristina Messa, ai quali sono allegati gli statuti delle 21 istituzioni statizzate, le convenzioni sottoscritte tra il Mur, l’istituzione stessa e gli enti locali interessati, la dotazione organica dell’istituzione. I decreti sono stati inviati agli organi di controllo per gli adempimenti di competenza.

Le tappe

Entro il primo triennio di attività dell’istituzione statizzata (2023-2025), su richiesta del ministero, l’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur) effettuerà una valutazione sull’adeguatezza delle risorse strutturali, finanziarie e di personale in relazione all’ampiezza dell’offerta formativa e degli studenti iscritti. In caso di esito positivo, le successive valutazioni saranno svolte secondo le stesse modalità e procedure previste per le altre istituzioni statali.

L’elenco

Nel dettaglio, ecco l’elenco delle accademie e dei conservatori coinvolti su tutto il territorio nazionale: Accademia “Giacomo Carrara” di Bergamo e Istituto superiore di studi musicali “Gaetano Donizetti” di Bergamo (che danno vita al Politecnico delle arti di Bergamo); Accademia di belle arti legalmente riconosciuta di Ravenna; Accademia di belle arti legalmente riconosciuta di Perugia; Accademia di belle arti legalmente riconosciuta di Verona; Accademia linguistica di belle arti di Genova; Istituto superiore di studi musicali “Vincenzo Bellini” di Catania; Istituto superiore di studi musicali “Giovanni Paesiello” di Taranto; Istituto superiore di studi musicali “Arturo Toscanini” di Ribera; Istituto superiore di studi musicali “Claudio Monteverdi” di Cremona; Istituto superiore di studi musicali di Modena e Carpi “Orazio Vecchi – Antonio Tonelli”; Istituto superiore di studi musicali “Achille Peri e Claudio Merulo” di Reggio Emilia e Castelnovo Ne Monti; Istituto superiore di studi musicali “Rinaldo Franci” di Siena; Istituto superiore di studi musicali “Franco Vittadini” di Pavia; Istituto superiore di studi musicali “Giovanni Lettimi” di Rimini; Istituto superiore di studi musicali “Giacomo Puccini” di Gallarate (Va); Istituto superiore di studi musicali “Giulio Briccialdi” di Terni; Istituto superiore di studi musicali “Giuseppe Verdi” di Ravenna; Istituto superiore di studi musicali “Luigi Boccherini” di Lucca; Istituto superiore di studi musicali “P.I. Tchaikovsky” di Nocera Terinese; Istituto superiore di studi musicali “Pietro Mascagni” di Livorno; Istituto superiore di studi musicali “Vincenzo Bellini” di Caltanissetta.

FONTE: SOLE 24 ORE
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF