confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Statali, rinnovo contratto: in arrivo aumento stipendio

85 euro in più nelle buste paga degli statali

(Teleborsa) Non solo bastone. Per i dipendenti statali, da mesi nell’occhio del ciclone e finiti sul banco degli imputati, sembra arrivata l’ora di qualche “carota”.  A rendere un pochino più dolce la sonora tirata d’orecchie, insomma, arrivano le caramelle. A tenere banco, dopo la lotta contro l’assenteismo, la stretta sui cosiddetti furbetti del cartellino, sulle assenze per false malattie, combattuta a suon di nuove sanzioni e visite fiscali all’Inps,  e a colpi di licenziamenti più facili e rapidi, arriva infatti una buona notizia che dovrebbe portare in dote un tesoretto di 85 euro in più nelle buste paga degli statali. Nei giorni scorsi, infatti, il ministro aveva fatto sapere: “non sono contenta se aumentano i licenziamenti”, affrettandosi anche a precisare che, comunque, i licenziamenti “non sono il cuore della riforma”.

Il ministro Madia, ora,  si è detto pronto ad avviare in tempi brevi i rinnovi contrattuali per il pubblico impiego, dopo diversi anni di attesa.

La maxi riforma della P.a targata Madia arriva, insomma, al traguardo dopo un lavoro durato “tre anni”, definita dalla ministra il “miglior biglietto da visita” per il rinnovo del contatto dei dipendenti pubblici.

I TEMPI SONO MATURI – Il titolare della PA ha, infatti, spiegato che l’esecutivo adesso è pronto, “alla luce delle modifiche normative che abbiamo fatto e stiamo facendo, alla luce del fatto che nella scorsa legge di bilancio, quella già approvata, abbiamo messo metà delle risorse circa e che l’altra metà delle risorse per gli 85 euro medi di rinnovo, che abbiamo promesso in quell’accordo del 30 novembre con i sindacati, li metteremo nella prossima legge di bilancio”.

Statali, rinnovo contratto: in arrivo aumento stipendio

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF