confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

DA LETTERA43: Sanità, intesa sul contratto:aumento medio di 85 euro al mese – Nursind sul piede di guerra

La notizia è stata data da Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni, e dal sindacato Fp-Cgil. La ministra Lorenzin: «Ora tocca ai medici».

Siglata la pre-intesa per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro del Comparto Sanità, che prevede un aumento medio delle retribuzioni di 85 euro al mese. La notizia è stata data da Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni, e dal sindacato Fp-Cgil.

Visualizza l'immagine su TwitterVisualizza l'immagine su Twitter

++ SIGLATA PRE INTESA PER RINNOVO CONTRATTO SANITÀ PUBBLICA ++
Dopo 10 anni raggiunta intesa per Sanità.
Un primo passo per restituire dignità a chi lavora prendendosi cura dei cittadini.
Ora avanti!
Cosa prevede e parte economica qui ⬇️

«Andiamo avanti passo dopo passo», ha detto Bonaccini, «e dopo lo sblocco del contratto delle Funzioni Locali (Regioni, Province, Comuni, Camere di Commercio, enti e agenzie regionali, ndr) arriva ora il via libera a un contratto che interessa 540 mila lavoratori fra infermieri, operatori sanitari e impiegati amministrativi del Servizio sanitario nazionale» (leggi anche: Sotto elezioni fioccano gli aumenti per gli statali: il quadro).

SODDISFATTA LA MINISTRA MADIA. Soddisfatta anche la ministra della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, che su Twitter ha scritto: «Firmato il contratto per la sanità. Grazie a tutti coloro che ogni giorno si occupano della nostra salute. Si è concluso un percorso a cui stiamo lavorando da quattro anni: il rinnovo del contratto, fermo da quasi 10 anni, di oltre 3 milioni di dipendenti pubblici».

Firmato sanità. Grazie a tutti coloro che ogni giorno si occupano della nostra salute. Concluso un percorso a cui stiamo lavorando da quattro anni: il rinnovo del contratto, fermo da quasi 10 anni, di oltre 3 milioni di dipendenti pubblici.

Mentre la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, ha parlato di un «passo importante per restituire la dignità a migliaia di professionisti che ogni giorno lavorano nel nostro Servizio sanitario nazionale e garantiscono la salute dei nostri cittadini. Adesso andiamo avanti anche per i medici».

NURSIND SUL PIEDE DI GUERRA. La pre-intesa per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro del Comparto Sanità non è stata però firmata da tutte le sigle sindacali. Il sindacato degli infermieri Nursind, in particolare, ha parlato di un «testo irricevibile». Secondo Andrea Bottega, segretario nazionale di Nursind, l’intesa «non dà risposte concrete ai molti problemi che affliggono il personale infermieristico, vera garanzia di qualità del Servizio sanitario nazionale». Bottega ha puntato l’indice soprattutto contro «le mancate risposte su indennità ed esigibilità dei diritti» e «contro un aumento contrattuale inferiore agli 85 euro promessi». Il sindacato si riserva quindi di intraprendere nuove mobilitazioni e iniziative di protesta.

http://www.lettera43.it/it/articoli/cronaca/2018/02/23/contratto-sanita-aumento-retribuzioni/218180/

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF