confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Stipendi dei dipendenti pubblici: non tutti sono così bloccati, in realtà..

Antonio Signorini pubblica un articolo su Il Giornale in cui seziona il mondo del lavoro pubblico nelle sue molteplici componenti per analizzare distintamente la questione retributiva delle diverse categorie di lavoratori pubblici. 

Dall’analisi di Signorini, infatti, emerge un dato curioso: non tutti i dipendenti pubblici hanno sofferto del blocco contrattuale. In realtà a soffrirne sono solo i lavoratori dipendenti, mentre altre categorie sembrerebbe abbiano invece visto incrementarsi il proprio stipendio.

Se il Conto annuale della Ragioneria dello Stato ha indicato un aumento medio delle retribuzioni statali pario al 14,8% dal 2005, dietro la media si nascondono grosse differenziazioni.

Partendo comunque dal presupposto che il 14,8% di aumento dal 2007 al 2015 copre a mala pena l’aumento del costo della vita di un periodo di due anni più breve (+13.5% dal 2007 al 2015) e che quindi il potere di acquisto degli stipendi è sceso, questa tendenza non vale per tutti.

Alcune categorie di dipendenti pubblici hanno invece goduto di aumenti, anche significativi: dipendenti di Palazzo Chigi +31%, magistrati +28%, diplomatici +37%. A fare da contraltare la scuola, università e forze armate, con aumenti medi sull’ordine del 7-8%.

A fare la differenza, secondo l’analisi di Signorini, la diversa composizione della retribuzione di queste categorie, a vantaggio di quelle in cui vi è una componente mista di stampo dirigenziale privato e il cui andamento non è oggetto di contrattazione bensì di automatismi di legge.

Fermi al palo dunque i dipendenti, ancorati al e dal CCNL, il cui prossimo rinnovo si rivelerà un appuntamento ancor più importante per capire se, davvero, come scrive Signorini, i dipendenti pubblici sono di seria A, B e anche C.

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF