confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

STATALI, CGS: TRATTATIVA IN SALITA SE NON SI SCIOGLIE NODO RISORSE

Roma, 18 luglio – “La trattativa con l’Aran per il rinnovo dei cinque contratti del personale del pubblico impiego non solo parte in ritardo ma pure in salita. L’assoluta carenza di risorse economiche, infatti, pende come una spada di Damocle sul buon esito del tavolo”. A lanciare l’allarme è la Confederazione generale sindacale (Cgs) alla vigilia del primo appuntamento operativo tra Governo e sindacati.

“Non depone di certo bene che questa convocazione arrivi a più di due anni dalla sentenza della Corte costituzionale che, proprio pronunciandosi su un ricorso della Federazione lavoratori pubblici (Flp), ha riconosciuto come incostituzionale il blocco reiterato della contrattazione nel pubblico impiego – spiega Marco Carlomagno, segretario della Flp e vicesegretario generale della Cgs – Ma è ancora più grave il fatto che parta senza risorse concrete spendibili: per il biennio 2016-2017 ammontano a poco più di 30 euro lordi pro-capite, mentre per il 2018 non risultano ancora stanziate, sbugiardando lo stesso accordo preelettorale che il Governo Renzi strappò a Cgil, Cisl e Uil a novembre 2016 con la promessa degli 85 euro”.

Dalla rivalutazione degli stipendi e delle indennità di amministrazione al rilancio della contrattazione integrativa con risorse aggiuntive derivanti dai risparmi su esternalizzazioni e appalti, passando per una ridefinizione dell’attuale ordinamento professionale e per il riconoscimento delle professionalità e dei percorsi di carriera nel pubblico impiego, la Cgs promette battaglia: “Ci batteremo all’Aran e nel Paese – conclude Carlomagno – per dare a lavoratrici e lavoratori un  contratto autentico e innovativo, in grado di riconoscere a livello economico e professionale il valore del lavoro pubblico”.

 

Ufficio stampa CGS – CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACALE

Paola Alagia

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF