confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Si modifichi la legge sulla mobilità volontaria. Il NurSind va in Parlamento

Importanti incontri istituzionali in Parlamento per la Direzione Nazionale del NurSind, con il segretario nazionale Andrea Bottega ed il consigliere Osvaldo Barba, che hanno incontrato alcuni gruppi politici per proporre la modifica dell’attuale decreto in tema di mobilità volontaria.

“Gli incontri avuti con gli onorevoli Daniela Cardinale e Giovanni Burtone del PD, Alessandro Pagano di Noi con Salvini, Massimo Barone e Andrea Cecconi del Movimento 5Stelle Osvaldo Barba consigliere nazionale NurSind–  si sono basati sulla proposta di modificare l’attuale decreto legislativo in tema di mobilità volontaria che, allo stato attuale, relega alle aziende cedenti la possibilità di concedere o meno il nulla osta al dipendente richiedente.

Alessandro Pagano

NurSind, già da diverso tempo, sostiene che la modifica intervenuta in tema di mobilità con il decreto Madia nel 2014, ha di fatto avocato esclusivamente alla legge e non più al contratto, l’applicazione delle regole per questo importante istituto contrattuale.

In pratica il dipendente con più di 5 anni di servizio che ha volontà di avvicinarsi per ricongiungimento familiare allo stato attuale è quasi impossibilitato poiché la discrezionalità sulla concessione del nullaosta è relegata esclusivamente alle aziende cedenti che, nella stragrande maggioranza dei casi, non concede.

A parere di NurSind –Andrea Bottega segretario nazionale– sarebbe auspicabile ritornare a quanto prima era previsto dal contratto, cioè con preavviso di 30 giorni da parte del dipendente e un massimo di tre mesi da parte dell’azienda cedente.

Ciò faciliterebbe un turnover di personale che certamente sarebbe da deterrente sul triste fenomeno sempre in costante crescita  della  migrazione di personale infermieristico all’estero.

L’eventuale modifica del decreto consentirebbe un grande flusso di personale sanitario che, mobilità a parte, potrebbe partecipare senza problemi a bandi per incarico a tempo determinato o eventualmente utilizzare l’istituto del comando.

“Intanto si ha notizia che alcuni deputati della Commissione Affari Istituzionali, in primis l’onorevole Teresa Piccione del PD, e della Commissione Lavoro con l’onorevole Andrea Cecconi del Movimento 5 Stelle, stiano immediatamente lavorando sul parere di modifica.

Andrea Cecconi, Massimo Barone, Andrea Bottega, Osvaldo Barba

Questa non è esclusivamente la battaglia di NurSind. L’invito è rivolto a chiunque abbia a cuore questo tema di intervenire con tutte sue forze indipendentemente dal colore politico e, men che meno, dell’appartenenza sindacale.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF