confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

SCUOLA, CGS: PER INSEGNAMENTO MUSICA INCLUDERE DIPLOMI JAZZ


Roma, 15 giugno –
“Ridefinire la disciplina dei titoli di accesso all’insegnamento dello strumento musicale nelle scuole secondarie di I e II grado, includendo anche i diplomi rilasciati al termine dei corsi di jazz”. E’ questa la richiesta avanzata oggi dalla Confederazione generale sindacale (Cgs), alla quale aderisce anche la Gilda degli Insegnanti, nel corso dell’audizione in commissione Istruzione del Senato sull’esame della delega al Governo per il riordino degli studi artistici, musicali e coreutici.

“E’ arrivato il momento di dare una risposta alla domanda di lavoro di tanti musicisti professionisti che si sono dedicati allo studio di altri generi musicali – ha sottolineato Rino Di Meglio, segretario generale della Confederazione -. E la nostra proposta va proprio nella direzione di ampliare il novero dei titoli che danno accesso all’insegnamento dello strumento musicale. Senza, però, perdere di vista un’altra priorità e cioè quella di non creare esuberi”.

 

Ufficio stampa CGS – CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACALE

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF