confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

SANITA’, NURSIND: BENE OK CONTRATTO IN CDM, INFERMIERI SPERANO IN FIRMA DEFINITIVA ENTRO OTTOBRE

Roma, 5 ottobre – “Dalla firma definitiva del Ccnl del comparto sanità, adesso, ci separa solo il passaggio alla Corte dei Conti. Siamo fiduciosi a questo punto che si possa chiudere entro fine ottobre, in modo da percepire gli arretrati già a partire dalla busta paga di novembre”. Lo dice il segretario nazionale del Nursind, Andrea Bottega, dopo il via libera nel Cdm di oggi all’ipotesi di contratto, sottoscritta lo scorso 15 giugno all’Aran.

“Per gli infermieri sarebbe un risultato importante, anche se parliamo di un contratto già scaduto e di un’indennità che era stata stanziata due anni addietro. Dare finalmente un riconoscimento al personale, infatti – conclude il segretario –, è quanto mai necessario non solo per una questione di carattere meramente economico. Proprio adesso che i contagi da Covid-19 stanno ricominciando a crescere, è fondamentale sostenere una categoria che ha sempre dato tutta se stessa nell’assistenza e nella cura dei pazienti e che da quando è scoppiata la pandemia non si è mai tirata indietro”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF