confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Roma, Ospedale S.Camillo-Forlanini. Senza Infermieri l’ospedale muore. NurSind: disorganizzazione e cattiva gestione aziendale

A fronte della situazione in cui versa l’Az. Osp. San Camillo Forlanini e alle conseguenze di tipo organizzativo–occupazionale che questa situazione porta con sé e all’incerto quadro che si sta delineando intorno all’Ospedale stesso, l’organizzazione sindacale NurSind, a partire da oggi, proclama lo stato di agitazione a difesa dei lavoratori, salvagurdando comunque i LEA, la salute dei lavoratori e il diritto di accesso alle cure a tutti gli utenti.

Senza Infermieri l’ospedale muore. Dopo le numerose denunce fatte dai lavoratori e dalla Segreteria Aziendale NurSind, Az-Osp S.Camillo-Forlanini di Roma in relazione:

a) Alla carenza di personale infermieristico che implica un potenziale rischio sia per gli utenti sia per il personale coinvolto.

b) All’evidente fallimento del piano estivo redatto dall’Amministrazione.

c)  Alla condizione di forte disagio lavorativo che subiscono gli Infermieri oramai vessati da doppi turni e ordini di servizio illegittimi “oggi per oggi” con evidenti ricadute sulla vita familiare.

d)  Alla, da noi sempre contestata, moda da parte dell’Amministrazione di adeguare unilateralmente il numero del personale alle dotazioni minime in caso di sciopero previste dal Contratto Integrativo.

NurSind proclama  lo stato di agitazione sindacale.    

Ragion per cui si riserva, qualora le risposte della Dirigenza non fossero celeri e incisive nel risolvere lo stato di disagio dei lavoratori e degli utenti, di indire iniziative all’interno della struttura e di avviare comunicazioni e interrogazioni alle autorità competenti e ai media locali e nazionali.

Il mantra “non c’e’ nessuno… “non giustifica la disorganizzazione e la cattiva gestione figlia di un fabbisogno infermieristico calcolato il più delle volte su metodi empirici o consuetudinari.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF