confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Roma. Infermieri verso lo sciopero nazionale prima delle elezioni. Saltato il tentativo di conciliazione

Prosegue lo stato di mobilitazione degli Infermieri italiani, pronti a scioperare prima delle elezioni per il rinnovo del contratto del comparto sanita’.

Oggi l’incontro al ministero del Lavoro si e’ concluso con una mancata conciliazione.

Andrea Bottega. Segretario Nazionale NurSind

“Gli infermieri corrono il rischio di avere un contratto peggiorativo rispetto a quello attuale, –  afferma Andrea Bottega, segretario nazionale NurSind –  “solo lo Stato italiano sembra non essere disponibile a riconoscere la nostra professionalità che altrove è apprezzata e riconosciuta”.

“Il dissenso passerà dalle corsie alle urne, – prosegue il segretario – considerato che i lavoratori dovranno esprimersi sui finanziamenti decisi dal governo nazionale e regionale e sulle scelte delle organizzazioni sindacali che siedono al tavolo (tra cui c’è anche NurSind)”.

“Gli infermieri italiani sono stanchi di subire aggravi di responsabilità – continua Bottega – e di carico di lavoro senza vedersi riconosciuto adeguatamente un trattamento economico e normativo contrattuale degno della professionalità acquisita e del percorso di studi effettuato.

“Dobbiamo decidere una data per la proclamazione dello sciopero generale,ma sara’ prima delle elezioni, perche’ il disagio sarà manifestato ed espresso nelle urne”,  – spiega Andrea Bottega, segretario nazionale del NurSind, tra i principali sindacati di categoria – .
Nodo del malcontento, conclude Bottega “il fatto che i fondi per il rinnovo del contratto del comparto sanita’, che include oltre gli Infermieri tutte le professioni sociosanitarie, verranno scorporati dal Fondo Sanitario Nazionale, che a sua volta non ha avuto aumenti”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF