confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

RICERCA: CGS, CI COSTITUIAMO IN GIUDIZIO AL TAR LAZIO CONTRO PRECARIATO   

Roma, 12 giugno – “La nostra battaglia al fianco dei dottori di ricerca universitari non solo va avanti ma si rafforza. Ci costituiamo in giudizio al Tar del Lazio contro il precariato che li ha messi in ginocchio, a difesa dei loro diritti e della loro dignità.

Una questione che è stata rimessa anche alla Corte di Giustizia europea”. Lo afferma, in una nota, il segretario della Confederazione generale sindacale (Cgs), Rino Di Meglio, dopo il via libera alla Cgs arrivato dallo stesso Tribunale ammnistrativo.

Secondo la Confederazione, “non è più tollerabile che i ricercatori, nonostante costituiscano un tassello centrale della formazione, continuino ad essere privi di ogni forma di tutela.

E’ inaccettabile – continua il sindacato – che tale categoria possa rimanere precaria anche dopo il superamento di un  concorso pubblico o dopo avere conseguito un’abilitazione nello specifico settore di insegnamento”.

Ecco perché, per Di Meglio, “non c’è ulteriore tempo da perdere: bisogna fare di tutto per sottrarre dal cono d’ombra i ricercatori.

Non basta riconoscerne a parole il ruolo che svolgono nelle nostre università ma servono fatti concreti per porre fine alle gravi omissioni che lo Stato continua a porre in essere nei confronti di lavoratori che sfrutta, senza offrire loro alcuna garanzia di stabilità”.

 

Ufficio stampa CGS – CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACALE

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF