confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Pratica sportiva, docenti di educazione fisica in attesa di compensi

Pratica sportiva, docenti di educazione fisica in attesa di compensi

venerdì 21 ottobre 2016
“Il Miur sblocchi i 18 milioni di euro destinati al pagamento dei progetti di pratica sportiva”.

A chiederlo è la Gilda degli Insegnanti che denuncia il grave ritardo nella liquidazione dei compensi che spettano ai docenti di educazione fisica.

“Le retribuzioni relative alle attività svolte nell´anno scolastico 2015/2016 sarebbero dovute essere corrisposte entro il 31 agosto come tutto il resto del fondo d´istituto – spiega la Gilda – ma al momento questi fondi, ai quali è riservato un capitolo a parte nel Mof, non sono ancora stati inviati alle scuole”.

“In seguito alle numerose segnalazioni giunte da tutta Italia al nostro sindacato, abbiamo interpellato il Miur da cui abbiamo appreso che i decreti di riparto sono pronti ma che le somme in questione sono ferme perché ancora al vaglio dell´Ufficio centrale di bilancio. Ancora una volta, dunque, dobbiamo constatare che il Miur è ostaggio del Mef e delle lungaggini burocratiche. A pagarne le conseguenze – conclude la Gilda – sono come sempre i docenti”.

Roma, 21 ottobre 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF