confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Pontedera. La Dirigenza Infermieristica dell’USL AV Nord Ovest, “promette e non mantiene”

Pontedera. La Dirigenza Infermieristica dell’USL AV Nord Ovest, “promette e non mantiene”

Lettera al Direttore pubblicata su Quotidiano Sanità il 12 novembre 2016

E’ davvero vergognosa la risposta della Dirigenza Infermieristica (http://www.infermieristicamente.it/articolo/7084/pontedera-riposi-e-sicurezza-a-rischio-nel-blocco-operatorio-la-lettera-di-un infermiera/) alla lettera dell’infermiera (http://www.quinewsvaldera.it/pontedera-linfermiera-che-non-smette-mai-di-lavorare.htm) del Blocco Operatorio di Pontedera. Come infermieri ci sentiamo profondamente offesi da quanto affermato dalla direzione infermieristica dell’USL AV nord ovest.

E’ triste apprendere che l’amore per la professione sia mistificato con il rifiuto per le sue degenerazioni; poiché un’organizzazione che sfinisce e demotiva il professionista sicuramente non può considerarsi un suo elemento fondante ed essenziale. Anche questo è, francamente, irricevibile.

Una risposta con il freddo linguaggio della burocrazia (Dirigenti infermieri che non hanno più il ben che minimo ricordo di che cosa voglie dire essere infermiere…) alle parole di chi ha sollevato con il cuore un problema di garanzia per la propria salute e quella dei cittadini.

Ogni infermiere che ha scelto di fare questa professione, non l’ha scelta per essere una pedina in mano ai Dirigenti Infermieristici, ma per la volontà di essere di aiuto al cittadino malato.

Amare il proprio lavoro, non vuol dire morirne o distruggere la propria vita familiare o sociale.

Amare il proprio lavoro, non vuol dire che i Dirigenti Infermieristici possono fare di noi quello che meglio credono, facendoci lavorare al di fuori della normativa e senza le minime garanzie di sicurezza per noi stessi e per i pazienti. Vorremmo ricordare ai Dirigenti Infermieristici dell’azienda, che gli infermieri lavorano con le persone non con un pezzo di legno.

L’azienda può continuare a minimizzare quanto vuole, a promettere all’opinione pubblica assunzioni e non farle, ma la realtà dei fatti è quella che la collega ha descritto, e che molti altri infermieri  possono confermare, anche al  di fuori del BO.

L’aspetto organizzativo della pronta disponibilità evidenziato dalla Direzione Infermieristica è poi quanto di più falso potessero descrivere:

– i turni di pronta disponibilità, che per contratto dovrebbero essere 6 al mese per singolo dipendente, a causa della carenza di personale sono sempre molti di più, fino ad arrivare a 10 al mese. E’ evidente che maggiore è il numero di pronte disponibilità e maggiore è il carico di chiamate e di conseguenza la stanchezza accumulata;

– l’infermiere che lavora in reperibilità può rimanere a riposo il giorno successivo solo se ha lavorato in reperibilità 8 ore consecutive. Dalla lettera della collega si capisce che l’attivazione frazionata (cioè più chiamate distinte nella stessa notte) può non far superare nominalmente le 8 ore di lavoro, ma fa si che comunque sia saltato completamente il riposo notturno.

– che questo non sia “una costante”, non implica che quel giorno quell’operatore abbia serie difficoltà a lavorare in sicurezza.

E’ paradossale che i dirigenti infermieristici ritengano che la sicurezza sia garantita anche con operatori così stanchi.

Invece di minimizzare, la Dirigenza Infermieristica dell’USL AV Nord Ovest dovrebbe farsi un bell’esame di coscienza e ammettere che la quantità di personale infermieristico nel Blocco operatorio di Pontedera, così come nell’intero Presidio Ospedaliero, è nettamente inferiore a quella che sarebbe necessaria per garantire di operare nella piena sicurezza per i cittadini e per gli operatori. Dovrebbe riflettere sul proprio ruolo di Dirigenti che non riescono a garantire una dotazione organica adeguata.

C’è infine da fare una ulteriore considerazione: c’è da sospettare che i problemi del Blocco Operatorio, così come le lunghe attese al Pronto Soccorso, l’incredibile black out delle linee telefoniche del 118, le lunghe attese per ogni tipo di esame, testimonino che la dirigenza aziendale non ha sotto controllo la situazione del Presidio di Pontedera.

Allora che la smettano di promettere quello che non sono in grado di mantenere: se l’Ospedale di Pontedera ha un futuro di lenta agonia, è meglio che i cittadini ne siano informati quanto prima.

Segretario Territoriale NurSind Pisa
Carbocci Daniele

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF