confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

Pa: Cgs, bene protocollo sicurezza, ora equiparare pubblico a privato su assenze in quarantena

Roma, 24 luglio – “Il protocollo quadro che abbiamo sottoscritto quest’oggi è uno strumento importante sul fronte della prevenzione e della sicurezza dei dipendenti pubblici. Siamo soddisfatti anche perché la sigla è arrivata al termine di un percorso di condivisione. Il ministro per la Pa Fabiana Dadone si è infatti mostrata aperta a tutti i suggerimenti arrivati dal fronte sindacale”.

A dirlo è Rino Di Meglio, segretario della Confederazione generale sindacale (Cgs), dopo la sottoscrizione del documento riguardante l’implementazione delle misure per la prevenzione e la sicurezza sui luoghi di lavoro, in ordine all’emergenza sanitaria da Covid-19. “L’auspicio adesso è che davvero la titolare di palazzo Vidoni, come si è impegnata a fare, sciolga al più presto i nodi ancora sul tavolo e che, seppure non strettamente connessi al protocollo, sono di vitale importanza per gli statali.

Si tratta – conclude Di Meglio – sia del trattamento per i lavoratori fragili e sia della questione legata alle assenze obbligatorie per i dipendenti pubblici in quarantena. E’ giusto infatti che si arrivi celermente ad una equiparazione con i dipendenti privati e che, quindi, tali assenze non vengano calcolate come malattia”.

Ufficio stampa CGS – CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACALE

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF