confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

PA: CGS A BONGIORNO, NON SVILIRE RUOLO SINDACATI

Roma, 27 luglio – Stabilizzazione dei precari, assunzioni per il ricambio generazionale ma soprattutto attenzione alla condizione di alcune professioni che svolgono attività usuranti. Sono queste alcune delle priorità esposte oggi dalla Confederazione generale sindacale (Cgs), nel corso del primo confronto con il ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno. “Per noi è importante che si avvii davvero un nuovo corso – evidenzia il vicesegretario generale della Cgs, Andrea Bottega – e che, quindi, non si ripetano gli errori del passato, svilendo il ruolo sindacale. Ci auguriamo, per esempio, che non vengano più prese decisioni come l’aumento degli stipendi di 80 euro per legge. Incremento che poi ha reso necessario un intervento correttivo nel Contratto collettivo nazionale del lavoro”. L’ altro tema sul quale ha insistito il sindacato è stato quello della mobilità dei dipendenti pubblici, una materia che, “deve essere disciplinata dai contratti e non da altri interventi legislativi”. La Confederazione generale sindacale, infine, ha rivolto un appello al ministro perché intervenga a garanzia delle libertà sindacali: “Le agibilità dei sindacati – ha concluso Bottega – non possono essere negate a chi si sottrae alla firma di un determinato contratto nazionale. Una deriva da scongiurare anche con un intervento legislativo per evitare che a essere penalizzata sia la rappresentanza democratica”.

Ufficio stampa CGS – CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACALE

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF