confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

NurSind Pescara. Carenza di personale, fino ad 8 notti al mese e turni massacranti in Ch Toracica

Nell’Unità operativa di Ch Toracica nella Asl di Pescara, la situazione sta per esplodere – . Il personale è costretto per assicurare la continuità assistenziale di 24 ore, ad effettuare turni di lavoro massacranti, rinunciando a riposi, a espletare doppie notti con solo lo smonto,così facendo il personale è stremato da questa turnazione inaccettabile – a denunciare la grave carenza di personale è Antonio Argentini, Segretario Territoriale NurSind Pescara – Spesso il personale è costretto per assicurare l’assistenza ad effettuare doppie notti che la legge permette solo in casi eccezionali per assenze improvvise ,ci sono infermieri che lavorano fino a 8 notti al mese .

Non dobbiamo dimenticare cosa dice la normativa in merito e cosa riportano gli studi in riferimento al mancato fisiologico riposo.

Lo stress lavorativo eccessivo con il mancato riposo favorisce le malattie e gli infortuni .Il personale è sottoposto ad uno stress psicofisico eccessivo che può essere causa di errori , a discapito del personale e dei pazienti .

Studi recenti (Tratto Dal Sito www.ipasvi.it Sonno, turno notturno e ricadute: analisi della letteratura di Davide Lastrucci , Lorenzo Righi, Carlo Federico Spatola ) dimostrano che gli straordinari oltre le 12 ore hanno incrementato 3 volte il rischio di cadere in errore e più del doppio il rischio di incorrere in un quasi-errore.

Si fa presente che con l’aumentare dell’età biologica sopra i 45 anni, l’individuo tollera con maggior difficoltà la turnistica, poiché il corpo non è in grado di riadattare il proprio orologio biologico al cambiamento continuo dei modelli di sonno imposti dal lavoro notturno.

Lo Statuto dei lavoratori Legge 20.05.1970 n° 300 art 9 , G.U. 27.05.1970 e il D.Lgs. 81/08 art. 15. L’art 5 c.9 del CCNL comparto sanità 2006-2008 del 10.04.08 presuppone che ai lavoratori interessati sia accordata una protezione appropriata tale da permettere di evitare che gli stessi, a causa della stanchezza, della fatica o di altri fattori che perturbano l’organizzazione del lavoro, causino lesioni a se stessi, ad altri lavoratori o a terzi o danneggino la loro salute, a breve o a lungo termine.

Il Decreto Legislativo 8 Aprile 2003 N. 66 Articolo 1 Comma J ribadisce la necessità di riposo adeguato del lavoratore.

Non si può dunque che ribadire la situazione pericolosa ed in violazione di legge, e pertanto aggiunge Argentinichiediamo la risoluzione delle problematiche esposte a tutela dell’operatore e dei pazienti attraverso il rispetto del diritto al riposo e recupero psicofisico con l’assegnazione di personale infermieristico e OSS.

https://www.infermieristicamente.it/articolo/9143/nursind-pescara-carenza-di-personale-fino-ad-8-notti-al-mese–e-turni-massacranti-in-ch-toracica/

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF