confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

Non assembratevi nelle tisanerie. L’avvertimento della Toscana agli infermieri

Il NurSind Pisa chiede alla Regione Toscana di rimuovere la locandina che raccomanda agli infermieri di non assembrarsi nelle aree ristoro e di evitare di andare a feste e buffet

“Incredibile. Per la Regione Toscana ed il coordinamento gestione rischio clinico, gli infermieri e gli operatori sanitari in genere, passano il loro tempo a mangiare e bere”, a commentare il “poster” della Regione Toscana, è Daniele Carbocci, segretario territoriale NurSind Pisa e membro del Direttivo nazionale.

“La salute di tutti sei tu”, è il poster della Regione Toscana, che racchiude una serie di consigli agli operatori sanitari, affinché non diventino veicolo del virus all’interno degli ospedali.

Tra le raccomandazioni si legge quella di mantenersi ad 1,8 metri dal collega, evitare assembramenti nei pressi di distributori automatici e tisanerie, ed ancora evitare cene, buffet e cerimonie.

 

“Non si sono resi conto, a marzo e ancora di più oggi, che il personale sanitario non solo non ha nemmeno il tempo di prendersi la tisana (dove poi le avranno viste le tisanerie nei nostri ospedali) o mangiare, ma spesso nemmeno di andare in bagno durante i turni di lavoro nei reparti Covid –  evidenzia Carbocci –  A cena fuori poi? Dopo il turno in ambiente Covid è piuttosto difficile averne voglia”.

Rimarca il sindacalista: “Invece di produrre manifesti ridicoli, si impegnassero a reclutare nuove forze, perché se la situazione continua ad evolversi negativamente, degli attuali infermieri in servizio ne rimarranno pochi visto l’attuale incremento dei contagi che gli infermieri contraggono a causa di ambienti di lavoro non i idonei  e turni di lavoro massacranti. Altro che tisane. Si impegni la Regione a fornire dispositivi di protezioni idonei e non razionati”

Chiediamo alla Regione di ritirare questa ridicola locandina – conclude Carbocci – e di avere più rispetto per il personale del servizio sanitario regionale”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF