confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Napoli. Sovraffollamento al P.S. del P.O. San Giovanni Bosco. NurSind: fino a 30 pazienti assistiti dal personale dell’emergenza

Il NurSind denuncia una situazione di sovraffollamento al Pronto Soccorso del P.O. San Giovanni Bosco di Napoli.

Vincenzo Moscarella dirigente sindacale del NurSind, ha inviato una nota di denuncia al Direttore Sanitario.
Su una disponibilità di 8 posti letto si arriva anche ad accogliere, con grande sforzo, 30 pazienti, che dovrebbero essere ricoverati nei reparti, ma invece rimangono al P.S. ed assistiti dal personale in servizio.

“Da troppo tempo vi è uno sproporzionato numero di utenti che albergano su barelle nel Pronto Soccorso,  – denuncia Vincenzo Moscarella – che dopo aver ricevuto una prima diagnosi ed una destinazione ad una Unità Operativa”.

“Tale condizione porta il personale a dover fronteggiare una quantità di pazienti sproporzionata rispetto alle risorse impiegate, subendo uno stress psico-fisico”, continua Moscarella.

“Ad aggravare la situazione – aggiunge –  è la mancanza di un sistema di selezione di accesso come il Triage che pone il Pronto Soccorso nelle condizioni di essere un ambulatorio a cielo aperto e quindi è facile intuire che l’inappropriatezza del ricorso all’emergenza regna indisturbata. Inoltre, non passa giorno che il personale non subisca atti intimidatori o aggressioni”.

Osserviamo – dice ancora Vincenzo Moscarella – problematiche evidenti, di sicurezza, di organizzazione degli spazi e le condizioni di sofferenza colpiscono sia la cittadinanza che i lavoratori.

Il pronto soccorso per definizione non ha dinamiche del tutto prevedibili, ma si può e si deve rispondere in maniera più incisiva ed organizzata.

Il NurSind vigilerà su tutti i lavoratori del PS e adotterà tutte le misure necessarie a loro tutela, conclude Moscarella.

http://www.infermieristicamente.it/articolo/8945/napoli-sovraffollamento-al-ps-del-po-san-giovanni-bosco-nursind-fino-a-30-pazienti-assistiti-dal-personale-dell-emergenza/

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF