confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Mobilità: ennesimo rinvio, nodi politici ancora irrisolti

Anche l´incontro di oggi tra sindacati e Amministrazione si è concluso con un nulla di fatto

Ennesima fumata nera nella trattativa per il contratto sulla mobilità 2017/2018. Anche l´incontro di oggi tra sindacati e Amministrazione si è concluso con un nulla di fatto.

“Nonostante sia stata ultimata la revisione tecnica dell´ipotesi di contratto, – spiega la Gilda degli Insegnanti – restano insoluti alcuni nodi politici, fra cui qualcuno risulta addirittura peggiorato rispetto alle precedenti bozze. Per esempio, l´Amministrazione fa un passo indietro sulla disponibilità di lasciare alla contrattazione di istituto l´assegnazione dei docenti ai plessi in altri comuni negli IIS con codice unico e propone, invece, che la contrattazione si svolga soltanto su comuni di diversi ambiti. Una condizione – sottolinea la Gilda – che riteniamo inaccettabile e che ancora una volta dimostra di voler lasciare alla discrezionalità del dirigente scolastico anche l´assegnazione degli insegnanti ai plessi”.

“Continuando su questa strada – conclude la Gilda – per noi risulterà sempre più difficile accettare e siglare un contratto che rischia di generare ulteriore caos nelle scuole”.

Il prossimo incontro è fissato per il pomeriggio di lunedì 30 gennaio.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF