confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

GLI ESPERTI RISPONDONO

MANOVRA, RICERCATORI FGU: ANCHE NOI COLPITI DA TAGLIO PENSIONI RETRIBUTIVE, GOVERNO INTERVENGA

ROMA, 20 novembre – “La ricerca pubblica è Cenerentola anche per l’Inps. Tutti sembrano averli dimenticati e non ci si è accorti che circa due terzi dei 26mila dipendenti degli Enti pubblici di ricerca (Epr) subiranno una forte decurtazione della pensione a causa dell’articolo 33 della manovra, che rivede il rendimento dei versamenti ante 1996 per alcune categorie di lavoratori pubblici”. Lo dice in una nota Eleuterio Spiriti, coordinatore nazionale di Fgu Dipartimento Ricerca Sezione Anpri.
“Il personale degli Epr è iscritto in gran parte alla cassa Cpdel gestita dall’Istituto nazionale di previdenza. Per molti di loro – aggiunge Spiriti –
al danno si aggiungerà la beffa di aver dovuto sborsare cifre consistenti per riscattare gli anni di laurea, circostanza ovviamente molto diffusa nell’ambiente della ricerca pubblica, e vedere adesso in larga parte vanificato questo sforzo. Il nuovo metodo di calcolo può produrre infatti una perdita di svariate migliaia di euro annui, fino a 11 mila, sulla pensione in funzione degli anni di contribuzione e dello stipendio dell’epoca. A ciò si aggiunge, comunque, l’inasprimento dei requisiti di accesso alla pensione pure per coloro che sono stati assunti dopo il primo gennaio 1996”.
“Eppure tutti sembrano essersene dimenticati, a dimostrazione che la ricerca pubblica è considerata fondamentale solo a parole. Così si fa cassa sugli studiosi che oggi scontano una retribuzione media anche del 50% inferiore rispetto agli omologhi degli Stati più avanzati, a danno della già scarsa attrattività di una professione fondamentale per il progresso del Paese, a cominciare dal ruolo degli Epr nei progetti del Pnrr. Ecco perché – conclude il coordinatore Fgu – chiediamo al Governo di mettere in atto una salvaguardia per i ricercatori italiani che non meritano questo trattamento e vanno valorizzati per il contributo decisivo che danno alla crescita economica, civile e culturale dell’Italia”.

Elenco degli Enti pubblici di ricerca:
https://www.anpri.fgu-ricerca.it/enti/


Ufficio stampa Fgu Dipartimento Ricerca – Sezione Anpri

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF