confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

La Regione Lombardia non convoca NurSind alle trattative post COVID-19

Alle tante distrazioni, per le quali la Regione Lombardia si è “distinta” in questo periodo di COVID-19, se ne è aggiunta un’altra: si discute di premialità in danaro agli operatori sanitari coinvolti nella lotta al COVID-19 e loro non invitano proprio il sindacato di categoria maggiormente rappresentativo, ovvero il NurSind.

“Esprimiamo un forte dissenso – dichiara il coordinatore regionale Donato Cosi – alla mancata convocazione agli incontri avente ad oggetto il riconoscimento della premialità straordinaria disposta per gli operatori sanitari coinvolti nell’emergenza COVID 19.

I contenuti di cui all’oggetto non sono materia di concertazione Regionale previsti dal CCNL 2016-18 ma il frutto dell’eccezionalità del dettato normativo finalizzati a valorizzare l’impegno profuso in primis dagli infermieri e dal personale sanitario”.

Segretari territoriali delle province lombarde hanno inviato in Regione una richiesta a firma congiunta, nella quale diffidano la Regione Lombardia a proseguire su tale linea di principio fondata su una erronea interpretazione delle vigenti norme sindacali e chiede, a nome di tutti gli associati che rappresenta, l’apertura alla rappresentanza del NurSind Lombardia del tavolo di confronto finalizzato a misure di carattere eccezionale.

Sono inoltre allo studio e in preparazione nuove forme di lotta per riportare l’attenzione della politica e dei media sulla professione infermieristica, osannata con grande enfasi durante le fasi più drammatiche dell’emergenza COVID-19 e ora dimenticata e bistrattata da chi ci amministra.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF