confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

La Commissione Petizioni del Parlamento Europeo bacchetta l’Italia sui precari della PA

Si è svolta il 22 marzo l’audizione di una delegazione italiana davanti alla Commissione per le Petizioni del Parlamento europeo sul tema dell’uso (e abuso) dei contratti a termine nella pubblica amministrazione.

Al termine dell’audizione, sentiti i rappresentanti della parte dei lavoratori (fra cui un collega infermiere, Pierpaolo Volpe), la presidenza della Commissione si è espressa con toni molto duri nei confronti dell’Italia e del rappresentante, in tale sede, del Governo italiano, tacciando l’abuso dei contratti precari di essere una situazione indegna per un Paese membro dell’Unione europea.

Prese di posizione pesanti dunque, sostenute fortemente anche dalle europarlamentari italiane Eleonora Ivi ed Eleonora Fiorenza (quest’ultima assente in audizione per concomitanti impegni istituzionali) e dall’eurodeputata greca Kostandica Kuneva, sancita dalla parole della presidente, svedese, Cecilia Wikstrom, e conclusasi con la risoluzione di mantenere aperte tutte le petizioni in tal senso presentate, la proposta di arrivare a una risoluzione che si occupi del tema del precariato pubblico italiano e l’impegno a trattare l’argomento come tema unico di una seduta plenaria che si terrà in autunno.

Tre importanti risultati di cui il collega Volpe, presente nella delegazione, rende conto in una lettera inviata al Direttore di Quotidiano Sanità (Clicca), in cui oltre a esporrei fatti che abbiamo sintetizzato, stigmatizza l’intervento in audizione del rappresentante del Governo e auspica un percorso condiviso da tutte le forze politiche per superare definitivamente il problema del precariato nella PA.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF