confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Infermieri obbligati alla reperibilità per coprire i turni. Il NurSind Bologna ha diffidato l’Azienda, ma i soprusi continuano

Ricorrere alla reperibilità per fronteggiare l’ iperafflusso dei pazienti nei periodi festivi, questo è quanto sta accedendo al S.Orsola Malpighi di Bologna e quanto ha denunciato il NurSind, diffidando l’Azienda.

La richiesta di disponibilità sarebbe stata diretta dai coordinatori al personale infermieristico del Pronto Soccorso Generale e della Medicina d’Urgenza, annunciando che in questi reparti  sarà inserita la reperibilità degli infermieri per fronteggiare l’ iperafflusso degli utenti.

Comunicato solo il 20 Dicembre, le reperbilità coatte sono cominciare il 24 Dicembre e termineranno il 15 Aprile, da attivare nei turni festivi e notturni.

Considerato che gli infermieri sono oberati da turni e carichi di lavoro onerosie stressanti, richiedere ulteriormente la loro reperibilità per affrontare il previsto maggiore afflusso dei pazienti al Pronto Soccorso è contraddittorio rispetto alle scelte di riorganizzazione aziendale che hanno deciso un taglio dei posti letto e comporta, inoltre, due ricadute, la prima sul professionista sanitario, quasi impossibilitato tra turni e reperibilità ad avere una vita privata, e la seconda e conseguente sulla sicurezza sia dei professionisti sanitari che dei pazienti che sarebbero stazionati in P.S in attesa del posto letto.

Non si può pensare di sovraccaricare il lavoratore, non si può pensare di fornire un’assistenza di qualità, se a prestarla sono operatori stanchi e costretti a turni infiniti, in barba a qualsiasi direttiva.

Questo modus operandi è pericoloso tanto quanto per l’infermiere che può incorrere in Errore, che per il paziente che subisce l’Errore.

Purtroppo ricorrere alla reperibilità per avere personale a disposizione, aggirando le normative europee dell’orario di lavoro è sempre più frequente, e non possiamo accettarlo.

Per questo  il NURSIND ha diffidato l’Azienda dall’utilizzare la reperibilità per il personale infermieristico di Pronto Soccorso Generale e Medicina d’Urgenza, senza però risultati, visto che nonostante tutto, i soprusi sul personale infermieristico continuano.

 

Antonella Rondigliano

Segretario Territoriale Bologna

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF