confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Infermieri, Congresso Nursind conferma Bottega segretario

Roma, 7 dicembre – Si è chiuso oggi a Roma l’VIII Congresso nazionale del Nursind con lo slogan “Nursind, una storia piena di futuro”. Il segretario uscente, Andrea Bottega, è stato riconfermato all’unanimità alla guida del sindacato. L’investitura è arrivata dagli oltre 350 delegati riuniti nella Capitale al termine di una tre giorni intensa di approfondimenti. Insieme al segretario sono stati rieletti il vicesegretario Salvatore Vaccaro (Sicilia), il segretario amministrativo Daniele Carbocci (Toscana) e gli altri cinque membri del direttivo nazionale uscente: Stefano Barone per il Lazio, Romina Iannuzzi per la Campania, Donato Cosi per la Lombardia, Fausta Agostina Pileri per la Sardegna e Gianluca Altavilla per il Friuli Venezia Giulia. Entra a far parte dell’organismo statutario, inoltre, Vincenzo Marrari della regione Calabria.

Questo congresso si è celebrato in un momento molto importante per il sindacato e cioè dopo la firma del contratto di comparto – ha detto Bottega -. Un rinnovo che apre sicuramente nuove prospettive per la carriera degli infermieri, ma che inevitabilmente, essendo scaduto, ci proietta subito sul prossimo. Per far sì che la valorizzazione della professione non resti sulla carta, infatti, servono risorse. Ed è da qui che riparte la nostra battaglia, già a cominciare dalla legge di Bilancio”.

L’incremento dell’indennità di specificità, declinata nel nuovo Ccnl, per esempio, “può essere una voce stipendiale oggetto di aumento senza la necessità di passare per la contrattazione. Proprio su questo da domani faremo sentire la nostra voce – ha continuato il segretario -. Anche perché produrrebbe un risultato immediato in termini di valorizzazione degli infermieri e delle ostetriche”.

Insieme all’obiettivo ambizioso di contribuire alla definizione di un percorso di studi e di specifiche competenze per la nuova figura, ancora tutta da costruire, dell’infermiere di famiglia, “c’è poi la battaglia sulle regole per l’esercizio professionale – ha ricordato il segretario – perché è arrivato il momento di riconoscere alla categoria più autonomia anche nelle prestazioni”.

Per Bottega, naturalmente, in cima alle priorità da affrontare rimane la questione della carenza di personale “che ormai ha raggiunto il livello di guardia e che guardando al futuro prossimo rischia di diventare drammatica, tra domande di prepensionamento, licenziamenti e – cosa ancora più grave – sempre meno giovani che intraprendono la professione. Ecco perché bisogna intervenire subito, puntando innanzitutto sulla carriera clinica e non solo organizzativa degli infermieri, su una maggiore remunerazione e sull’abolizione del vincolo d’esclusività. Solo così potremo tentare di tenerci stretta quella parte di personale provata da carichi di lavoro e responsabilità e di attrarre nuove leve. A garanzia dell’assistenza dei pazienti – ha concluso – e della tenuta dell’intero Ssn”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF