confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Il Governo continua a negare il rinnovo del contratto a tre milioni di lavoratori pubblici

Il Governo continua a negare il rinnovo del contratto a  tre milioni di lavoratori pubblici

Il Governo, mentre è impegnato strenuamente nella battaglia referendaria sulla modifica della Costituzione, continua di fatto  però a ignorare la sentenza della Corte Costituzionale scaturita dal ricorso fortemente voluto dalla FLP.

Con la legge di Stabilità per il 2017, infatti, non stanzia le risorse necessarie per avviare un vero rinnovo contrattuale dei lavoratori pubblici.

Dai dati forniti in conferenza stampa dopo il Consiglio dei Ministri del 15 ottobre,   il dato presumibile  dello stanziamento (1.9 miliardi)  non è chiaro né per l’arco temporale di riferimento e neanche per l’effettiva disponibilità ad essere utilizzato interamente  per il rinnovo dei contratti.

In ogni caso, pur se fosse destinato interamente ai rinnovi, è assolutamente insufficiente dal momento che se solo utilizziamo l’indice IPCA (quello che deve a legislazione vigente indicare il beneficio contrattuale spettante)  per il triennio la cifra da stanziare non è inferiore ai 7 miliardi di euro.

Se il Governo non cambia registro, dovremo passare dalla denuncia alla mobilitazione. Interessando in questa nostra battaglia le forze vive e sane del Paese.

Quelle che vogliono una PA che funzioni e che sia efficiente. Non chi invece dallo sfascio e dal depotenziamento vuole trarre vantaggio con esternalizzazioni che servono solo ai soliti noti.

Roma, 17 ottobre 2016

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF