confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Diplomati magistrali e precari, urge un tavolo politico

Non ancora sanata la situazione di tutti i precari e i diplomati magistrali ammessi con riserva nelle Gae

venerdì 16 dicembre 2016
“Dopo anni ed anni di battaglie, il ministero dell´Istruzione ancora non ha sanato la situazione di tutti i precari e i diplomati magistrali ammessi con riserva nelle Gae. Alla luce anche della recente sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, che ha stabilito la giurisdizione in favore del Tar, chiediamo l´apertura di un tavolo politico per trovare una soluzione definitiva alla vicenda”.

Ad affermarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

“E´ assurdo che soltanto adesso vi sia stata la proposizione di un regolamento preventivo. Ora la Gilda chiede a gran voce la chiusura della vicenda, senza aspettare l´adunanza plenaria del Consiglio di Stato.

Occorre subito – conclude Di Meglio – sanare le posizioni nelle Gae degli ammessi con riserva e di tutti i precari che non sono ancora entrati in ruolo”.

Roma, 16 dicembre 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF