confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Di Meglio: “Non firmiamo intesa su mobilità, bisogna cambiare la legge”

ROMA – La Gilda non ha firmato l´intesa politica sulla mobilità dello scorso 29 dicembre, siglata dalle altre sigle sindacali “perché riteniamo che la Legge 107 vada cambiata”. E non c´è intenzione di siglarla finché questo cambio non sarà fatto. A ribadirlo Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, intervistato dall´agenzia Dire: “Noi non abbiamo firmato l´intesa sulla mobilità, con tutto il rispetto per la buona volontà del nuovo ministro che si è prodigata”.

Questo perché “riteniamo che il quadro normativo, cioè la Legge 107 che prevede gradualmente il passaggio della titolarità degli insegnanti da scuola all´ambito territoriale, e la chiamata diretta da parte dei dirigenti scolastici, sono norme che non condividiamo e non pensiamo che possano funzionare semplicemente con un contratto”.

Quindi, “modificare la legge e poi si possono scrivere nuove norme sulla mobilità, ma bisogna cambiare la legge altrimenti non ne veniamo fuori. Anzi, si rischiano pasticci, gli effetti si sono visti a inizio di quest´anno”. Per Di Meglio “le conseguenze di questi pasticci le subiscono gli insegnanti e gli alunni che non hanno continuita didattica”.

Dal 1 settembre “gli insegnanti dovrebbero essere al loro posto. Ma non è così. E negli ultimi anni le cose sono peggiorate”. Sono in corso “trattative per il contratto della mobilità, ed è una cosa molto complessa- ha detto ancora- C´è un grosso problema, quello degli insegnanti spostati a nord e a sud e che vorrebbero tornare a casa. Ma i posti sono pochi. La gente non riesce a tornare a casa”.

Gilda, quindi, chiede “il cambiamento della legge, si deve essere chiamati nelle scuole in base alla graduatoria”. Di Meglio ha poi concluso spiegando di aver “apprezzato la disponibilità del nuovo ministro. Da parte sua massima apertura, lo apprezzo anche se le condizioni politiche restano difficili ma non a causa di questo ministro”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF