confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

DECRETO MADIA, RIPRISTINARE DIRITTO DI DIFESA E AGEVOLARE MOBILITÀ

Ripristinare il diritto dei lavoratori della scuola a difendersi davanti ad un organo disciplinare terzo ed imparziale e certezza dei tempi nel procedimento per tutti i dipendenti della PA. Lo ha chiesto la CGS ai deputati e ai senatori delle Commissioni riunite per la semplificazione in un’audizione che si è tenuta oggi.

La nostra delegazione ha messo in luce il trattamento discriminatorio che il governo intende applicare ai danni dei lavoratori della scuola, assoggettandoli al potere dei dirigenti scolastici di sospendere i dipendenti fino a 10 giorni. Discriminatorio perché non più previsto per gli altri dipendenti della PA.

Nel corso dell’audizione la CGS ha evidenziato, inoltre, i rischi derivanti dalla cancellazione dell’obbligo per i dirigenti di rispettare i termini disciplinari che, secondo quanto previsto dal decreto Madia, potranno protrarsi nel tempo senza limite e senza determinare la decadenza del potere disciplinare e l’invalidità delle sanzioni emesse fuori termine.

La nostra delegazione ha fatto presente anche la necessità di restituire alla contrattazione collettiva il potere di regolare la mobilità tra diverse amministrazioni e di cancellare il previo nulla osta dell’Amministrazione cedente e dell’Amministrazione ricevente. Ciò in particolare per quanto riguarda i lavoratori della sanità che, a causa della parcellizzazione delle amministrazioni sul territorio, vedrebbero di fatto preclusa la possibilità dei lavoratori di ricongiungersi alle loro famiglie.

Infine la CGS ha chiesto alle Commissioni riunite di eliminare il vincolo del 30% nello scorrimento delle graduatorie di merito dei concorsi al fine di consentire la copertura dei posti effettivi che dovessero rendersi disponibili nel corso delle procedure concorsuali.

I nostri sforzi per cambiare il decreto Madia si protrarranno durante tutto l’iter di approvazione del provvedimento con altre audizioni davanti alle Commissioni parlamentari competenti.

 

Roma, 22 marzo 2017

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF