confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Covid-19. Assunzioni Infermieri. NurSind: No iscrizione Ordine per neolaureati e per chi non esercita da due anni.

Prevedere la possibilità̀ di esercitare la professione infermieristica per la durata dell’emergenza e almeno per sei mesi, se già̀ dipendente di una struttura sanitaria pubblica nei due anni precedenti o se neolaureato, senza obbligo di iscrizione all’Ordine professionale.

E’ quanto chiesto da Andrea Bottega, Segretario Nazionale NurSind, al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed al Vice Ministro della Salute, suggerendo di inserire l’emendamento nella conversione in legge del DL 17 marzo 2020, n. 18.

In questo momento di emergenza la cronica carenza di infermieri si è palesata con tutta la sua prepotenza. Improvvisamente il Covid-19 ha reso paurosamente evidente che senza Infermieri non c’è salute, e come la pericolosità della malattia non arrivasse tanto dalla letalità del virus, quanto dalla mancanza di personale sanitario in numero sufficiente tale da prendere in carico il numero imponente di pazienti.

E’ cominciata quindi la folle corsa alle assunzioni, arrivando a richiamare i medici ed infermieri in pensione; graduatorie, chiamate dirette, agenzie interinali, tutto pur di fronteggiare un’emergenza che ci ha trovati sprovvisti di esercito.

Riceviamo da alcuni colleghi che hanno recentemente lasciato la professione per dedicarsi ad altri lavori, la disponibilità̀ ad aiutare in questo momento emergenziale le strutture carenti – dichiara Andrea Bottega– Tuttavia per poter esercitare ai sensi di legge la professione infermieristica in Italia è necessario ottenere l’iscrizione all’albo professionale. Queste persone non hanno rinnovato l’iscrizione perché́ onerosa e non più̀ utile al loro nuovo lavoro. Volendo rientrare in servizio per l’emergenza dovrebbero pertanto ripresentare domanda di iscrizione, attendere i tempi di delibera e pagare tasse governative e di finanziamento dell’ente.

Chiediamo pertanto che si preveda la possibilità̀ di esercitare la professione infermieristica per la durata dell’emergenza e almeno per sei mesi, se già dipendente di una struttura sanitaria pubblica nei due anni precedenti o se neolaureato, senza obbligo di iscrizione all’Ordine professionale. In questo modo potremmo avere disponibili subito più infermieri e nel più breve tempo possibile”, conclude il Segretario Nazionale.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF