confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Coronavirus: Nursind a Mattarella, parata 2 giugno si apra a personale Ssn

Roma, 6 marzo – “L’incredibile impegno professionale e umano che il personale sanitario, infermieri in primis, sta dispiegando per fronteggiare l’epidemia del coronavirus non va dimenticato. Quale occasione migliore della Festa della Repubblica per dare evidenza plastica allo spirito di coesione nazionale così importante in questo momento?

Ci appelliamo alla saggezza e sensibilità del Capo dello Stato Sergio Mattarella perché alla parata del 2 giugno possa partecipare anche una delegazione del Servizio sanitario nazionale”.

E’ la proposta lanciata dal Nursind degli infermieri in una lettera inviata nei giorni scorsi al presidente della Repubblica.

“E’ evidente – spiega il segretario nazionale del sindacato Andrea Bottega – che problemi e deficienze del comparto sanitario non si risolvano con una cerimonia, ma i messaggi simbolici hanno la forza di motivare categorie che non si stanno risparmiando in queste ore.

Senza contare che, tra l’altro, la partecipazione all’evento del 2 giugno, al di là dell’emergenza contingente, sarebbe un modo per corroborare ulteriormente la fiducia dei cittadini negli operatori sanitari che, da qualche anno a questa parte, sono vittime di episodi di violenza ed esasperazione, generati dalle carenze del sistema”.

 

Ufficio stampa Nursind

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF