confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

Contratto, l´orario di servizio non si tocca

È quanto dichiara Rino Di Meglio al termine dell´incontro che si è svolto oggi pomeriggio all´Aran nell´ambito della trattativa per il rinnovo del Ccnl Scuola

mercoledì 17 gennaio 2018
“Nonostante qualche timido passo avanti, la distanza tra le richieste dei sindacati e la posizione dell´Amministrazione rimane notevole. In particolare, si ritiene inaccettabile vincolare la contrattazione sulla mobilità a una semplice integrazione di quanto disposto dalle leggi e, soprattutto, portarla ad una cadenza triennale”.

È quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Federazione Gilda Unams, al termine dell´incontro che si è svolto oggi pomeriggio all´Aran nell´ambito della trattativa per il rinnovo del Ccnl Scuola e che si è incentrato sulle relazioni sindacali. L´Aran ha presentato una nuova proposta sulla quale i sindacati si sono riservati di approfondire.

Nel corso del suo intervento, il coordinatore nazionale della Fgu si è augurato che le norme inserite nella prima bozza, che intaccano la funzione docente e l´orario di servizio, siano una banale provocazione e ha chiarito che da parte della Fgu non c´è alcuna disponibilità ad accettare aumenti dell´orario di servizio a titolo gratuito.

“Ad oggi – aggiunge Di Meglio – le proposte della parte pubblica non consentono neppure di rispettare l´accordo del 30 novembre 2016, in quanto il calcolo percentuale penalizza particolarmente il settore scuola, rischiando addirittura di allargare la forbice stipendiale con gli altri dipendenti pubblici. Soltanto se verranno attribuite ulteriori risorse – conclude il coordinatore nazionale della Fgu – si potranno almeno raggiungere i famosi 85 euro medi di aumento in busta paga”.

Roma, 17 gennaio 2018
Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF