confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

CONTRATTI: CONFEDERAZIONE CGS, BENE CONSIGLIO D’EUROPA, AMMISSIBILE NOSTRO RICORSO SU LIBERTA’ SINDACALI

Roma, 4 giugno – “Un primo passo è stato compiuto. Il nostro reclamo al Comitato dei diritti sociali del Consiglio d’Europa contro le violazioni della Carta sociale europea commesse dal governo è stato dichiarato ammissibile.

Un segnale importante che, a questo punto, ci auguriamo sia colto dal nuovo esecutivo per ristabilire un principio sacrosanto quale quello della libertà sindacale”.

E’ quanto afferma il segretario generale della Confederazione generale sindacale – Cgs, Rino Di Meglio, dopo aver ricevuto riscontro positivo sull’ammissibilità del ricorso contro la normativa italiana in base alla quale i sindacati che non sottoscrivono i contratti collettivi nazionali di lavoro sono esclusi da tutti gli altri livelli di contrattazione.

“Si tratta di un buon viatico che ci incoraggia nella nostra battaglia contro questa disposizione di legge, prevista dai contratti del pubblico impiego con apposite clausole, in palese contrasto con quanto sancito dall’articolo 39 della Costituzione e con l’articolo 11 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo che tutela le libertà di riunione e di associazione in cui rientrano anche le libertà sindacali.

Non è accettabile, infatti – conclude Di Meglio – che un sindacato contrario a un contratto di lavoro, e che di conseguenza decida di non sottoscriverlo, venga escluso per tale ragione dalle sequenze contrattuali e da tutti i livelli di contrattazione.

Di fronte a un simile vulnus, noi non arretriamo ma al contempo ci aspettiamo che il governo intervenga al più presto per sanare una così palese incostituzionalità della normativa italiana.

Il rischio, altrimenti, è che migliaia di cittadini non vengano rappresentati nelle loro istanze da quelle sigle sindacali che in maniera irragionevole saranno escluse dalla contrattazione”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF