confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

BUONI PASTO: FLP-CGS, SI SEGUA ESEMPIO PRESIDENZA CONSIGLIO, VIA SOCIETÀ FORNITRICE E SOSTITUZIONE TAGLIANDI DISTRIBUITI

Roma, 19 luglio – “Tutti i ministeri e gli enti interessati dalla convenzione disdetta dalla Consip seguano da subito l’esempio della presidenza del Consiglio e sostituiscano immediatamente la società fornitrice di buoni pasto, provvedendo a cambiare i tagliandi già distribuiti”. E’ l’appello lanciato dalla Flp, che rappresenta la Confederazione generale sindacale (Cgs) nel comparto delle Funzioni centrali, per superare l’impasse sul caso Qui!Group.

Anche se la convenzione con la società genovese è stata disdetta, infatti, “il problema rimane in tutta la sua gravità – spiega il sindacato – dal momento che le amministrazioni intendono ancora utilizzare i buoni pasto già consegnati, sebbene poi, all’atto pratico, non vengano accettati da nessuno”. “Uno stallo che va superato al più presto – rincara la dose Marco Carlomagno, segretario generale Flp – se si considera che in alcuni casi l’ammanco per le finanze dei lavoratori può arrivare anche al 10 per cento dello stipendio. Ecco perché non c’è tempo da perdere e ogni ulteriore ritardo non può essere tollerato”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF