confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

ASP3 Catania: diritti calpestati in nome dell’equità. I Lavoratori Ringraziano.

ASP3 Catania: diritti calpestati in nome dell’equità. I Lavoratori Ringraziano.

“Siedo sulla schiena di un uomo, soffocandolo, costringendolo a portarmi. E intanto cerco di convincere me e gli altri che sono pieno di compassione per lui e manifesto il desidero di migliorare la sua sorte con ogni mezzo possibile. Tranne che scendere dalla sua schiena.” 

LEV TOLSTOJ

“La VERGOGNA di una qualsiasi azienda è fare cassa sulla pelle dei lavoratori TAGLIANDO i diritti agli uni e garantendo privilegi agli altri. Se ciò dovesse avvenire con la complicità dei Sindacati allora la cosa diventa veramente inquietante”.

Che ci vuole? Un colpo di penna, uno scarabocchio su un po’ di carta inchiostrata e via, muoiono i diritti acquisiti anni or sono(dal 2005) da centinaia di persone e per giunta in nome di un trattamento equanime.

Con una lettera di poche righe, indirizzata alle Organizzazioni Sindacali il dottor Giuseppe Giammanco, Direttore Generale ASP 3  di Catania, cancella l’accordo maturato in sede di contrattazione decentrata dove si riconosceva il Diritto al cambio divisa e rilascio consegne al personale infermieristico turnista dell’Ex-Azienda Gravina di Caltagirone.

Questo “nelle more”, come dice la lettera, di “uno specifico confronto”. Ma di cosa parliamo? Invece di ESTENDERE un diritto agli altri dipendenti, più volte richiesto dalla nostra Organizzazione

Ma il dottor Giammanco; lo sa che  dieci minuti sono anche troppo esigui?Sindacale, al fine di evitare difformità, si sospende un trattamento acquisito da ben undici anni.

Lo sa che gli infermieri turnisti “regalano” sistematicamente ore di lavoro ogni mese in tutte le aziende di Catania compresa quella che lui dirige, al fine di garantire il servizio?

Lo sa che la sovrapposizione tra i turni garantisce la continuità assistenziale ?

Certo che lo sa, ma un manager bravo in via generale, va in cerca del profitto.  Da quando gli ospedali sono diventate aziende i costi vengono prima della salute dei cittadini e dei diritti dei lavoratori.

Immaginiamo adesso come gli altri sindacati si scaglieranno contro il Direttore Generale per difendere il contraente debole. Di come minacciosi si schiereranno al fianco dei lavoratori attraverso l’azione sindacale per ripristinare il maltolto.

Noi comunque faremo la nostra parte; come sempre del resto.

Salvatore Vaccaro – Infermiere

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF