confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

Asp Ragusa, il NurSind: insulti al personale, potenziare subito la sorveglianza

Potenziare la sorveglianza negli ospedali ragusani per tutelare il personale esposto in questo periodo a continui attacchi.

È quanto chiede il NurSind Ragusa in una nota indirizzata ai vertici dell’Asp con la quale si auspicano delle misure a cominciare dall’incremento delle ore di sorveglianza nell’arco della giornata.

Il sindacato guidato da Giuseppe Savasta riconosce che “già da tempo la Direzione strategica aveva attivato un percorso per constatare la spesa economica per poi procedere all’attivazione di una sorveglianza più presente nei vari presidi. Pensiamo che sia opportuno completare questo percorso già iniziato per permettere all’Asp 7 di Ragusa di dare maggiore sicurezza a tutto il personale, infermieristico e non solo, che giorno dopo giorno presta servizio diretto alla popolazione. Non nascondiamo che siamo molto preoccupati dei crescenti malumori dimostrati da cittadini sui vari canali, che fanno trapelare sentimenti forti e non positivi verso gli operatori del pronto soccorso del presidio ospedaliero del Giovanni Paolo II. Tutto ciò ci preoccupa, come siamo sicuri preoccupi tutta la Direzione strategica”.

Dunque secondo il NurSind “è necessario ora più che mai proteggere il personale sanitario operante nell’Asp e siamo certi che la Direzione metterà in campo tutte le possibili soluzioni per risolvere le varie problematiche inerenti alla prevenzione delle aggressioni a tutto il personale”.

 

di Giuseppe Provinzano

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF